Coronavirus, Papa Francesco concede l'indulgenza plenaria: ecco come seguire la sua preghiera

L'appuntamento è per le ore 18 di venerdì 27 marzo: il pontefice celebrerà il rito della Benedizione eucaristica 'Urbi et Orbi' dal Sagrato di San Pietro con la piazza vuota ma in mondovisione

Un giorno molto attesa dai cattolici quello di venerdì 27 marzo, con l'appuntamento di preghiera universale in programma alle ore 18 che Papa Francesco ha proposto personalmente in occasione dell'Angelus di domenica scorsa (22 marzo) e la benedizione Urbi et orbi' del pontefice in diretta sui canali di Vatican News. Un'attesa dovuta all'indulgenza plenaria che sarà concessa secondo le condizioni previste dal recente decreto della Penitenzieria Apostolica a quanti si uniranno spiritualmente a questo momento tramite i media oltre che ai malati di coronavirus, agli operatori sanitari, ai familiari e a quanti, con modalità differenti, si prendono cura di chi sta male. Il Papa presiederà un momento di preghiera che durerà circa un'ora, dal Sagrato della Basilica di San Pietro e con la piazza vuota mentre nei pressi del cancello centrale della Basilica Vaticana, saranno collocati l’immagine della Salus Populi Romani e il Crocifisso di San Marcello.

Coronavirus, Pasqua e settimana santa: le indicazioni per le celebrazioni e per i fedeli

COS'È L'INDULGENZA - La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede affermata dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla totale o parziale remissione, cioè la cancellazione, della pena temporale dovuta per i peccati già confessati e perdonati sacramentalmente. Per spiegarla bene, spesso si ricorre all’esempio del foro sul muro e del chiodo che l’ha procurato. Il chiodo è il peccato che una volta confessato e perdonato attraverso la Confessione “non c’è più”. Resta invece l’effetto del male commesso, il foro, che l’indulgenza per così dire chiude. L’assoluzione sacramentale dunque cancella i peccati, mentre l'indulgenza cancella la pena temporale, che non significa terrena, ma con una durata di tempo non senza fine: terrena, oppure da scontare in Purgatorio. Normalmente le condizioni per ottenere l'indulgenza sono la Confessione sacramentale, la comunione eucaristica e la preghiera secondo le intenzioni del Papa ed è inoltre chiesta un’opera “indulgenziata” da compiere nei tempi stabiliti (ad esempio una determinata preghiera o la visita a una chiesa particolare).

Coronavirus, il cardinal Bassetti: "Affiderò al Cuore Immacolato di Maria tutta la nostra Diocesi"

COME SEGUIRE IL PAPA - A partire dalle ore 18 di domani (venerdì 27 marzo) l'evento sarà trasmesso in diretta mondovisione da Vatican Media (sulla home page del sito, sulla pagina Facebook o sul canale youtube) e potrà essere seguito in più lingue sulla Radio Vaticana. Il Santissimo Sacramento sarà esposto sull’altare collocato nell’atrio della Basilica Vaticana e dopo la supplica, seguirà il rito della Benedizione eucaristica “Urbi et Orbi”. Quindi il cardinale Angelo Comastri, Arciprete della Basilica di San Pietro, pronuncerà la formula per la proclamazione dell’indulgenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: centri commerciali e negozi chiusi la domenica. Tutti i provvedimenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 27 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 26 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 28 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento