menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, ordinanza del sindaco di Città di Castello: asili nido chiusi fino al 14 marzo

Bacchetta: "Non possiamo ignorare che l’Altotevere, insieme all’area di Foligno e di Assisi-Bastia Umbra, sia tra i territori nei quali l’indice Rt è tra i più alti, per cui non possiamo abbassare la guardia"

Il sindaco di Città di Castello, Luciano Bacchetta, chiude gli asili nido. Il primo cittadino, nel sottolineare come “continui l’altalena di dati che rende difficile fare valutazioni, ma non possiamo ignorare che l’Altotevere, insieme all’area di Foligno e di Assisi-Bastia Umbra, sia tra i territori nei quali l’indice Rt è tra i più alti, per cui non possiamo abbassare la guardia”.

“Bisogna rispettare le regole e i controlli saranno rafforzati”, chiarisce il primo cittadino, che anticipa: “Scriveremo a tutte le forze dell’ordine, perché non sono solo i Vigili Urbani a dover fare i controlli come sostiene qualcuno, in modo che il grande sforzo che stanno già facendo in questa difficile situazione di emergenza sia i ulteriormente irrobustito”.

E ancora: “Ci giungono infatti notizie continue di assembramenti, specie nei parchi pubblici, che non si possono fare in questa fase della nostra vita, anche se mi rendo conto che è dura affrontare la situazione attuale”, puntualizza il sindaco.

Nel far riferimento alla nuova ordinanza della Regione, Bacchetta ribadisce insieme all’assessore competente Rossella Cestini che a Città di Castello sarà prorogata fino al 14  marzo la chiusura di tutti  i  servizi socio educativi pubblici e privati per  la prima infanzia nella fascia di età 0-3 anni.

“Con l’ordinanza sindacale n.37 di oggi abbiamo deciso di continuare a essere estremamente prudenti, perché ci inducono a questo le percentuali di positività del nostro territorio”, precisano Bacchetta e Cestini, facendo riferimento alle indicazioni in questo senso riportate nell’ultima comunicazione all’ente da parte dell’Usl Umbria 1 sull’incidenza del contagio a Città di Castello. “Restiamo in attesa della vaccinazione di massa come unica soluzione concreta all’emergenza attuale”, ribadisce Bacchetta, chiarendo: “il Comune sta lavorando molto in questo contesto, mettendo a disposizione tutte le proprie strutture per il secondo punto vaccinale a Città di Castello e adesso abbiamo coinvolto anche la Provincia di Perugia”.

“L’Usl Umbria 1 – riferisce il sindaco - ha già ritenuto non idonee un paio di sedi proposte dal Comune e per lunedì 8 marzo abbiamo convocato una riunione con i responsabili dell’azienda sanitaria per risolvere la situazione”. “Certo è – rimarca Bacchetta – che il secondo punto per la vaccinazione a disposizione di Città di Castello e della zona nord del comprensorio dell’Alta Valle del Tevere va aperto quanto prima, in modo tale da disporre di un altro centro vaccini efficace, efficiente e logisticamente compatibile con le esigenze della nostra città, di San Giustino e Citerna per la fine di marzo, quando, ci dicono, inizierà la vaccinazione di massa”. “Stiamo tentando di risolvere un problema che è piuttosto irritante e del quale il Comune non ha alcuna responsabilità, perché sta all’Usl Umbria 1 decidere”, ribadisce il sindaco, che aggiunge: “certamente si rende necessario uno sforzo e un impegno in termini di organizzazione e di personale importante, che però va fatto”. “Non è possibile infatti, per fare un esempio, che un cittadino di Citerna debba andare a vaccinarsi a Trestina o a Umbertide”, osserva Bacchetta, che chiarisce: “non è giusto, né dignitoso per le istituzioni che accada questo, è una situazione paradossale che va risolta quanto prima, perché non si può continuare ad avere due punti per i vaccini nel raggio di dieci chilometri, a Trestina e Umbertide, senza averne nessun altro nel resto del comprensorio dell’Altotevere”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento