rotate-mobile
Attualità Castiglione del Lago

Coronavirus, l'abbraccio di aziende, associazioni e cittadini ai presidi sanitari del Trasimeno

Donati denaro e presidi, il grazie della direzione della Usl Umbria 1

Non si ferma la generosità dei cittadini nei confronti dei presidi della Usl Umbria 1 per affrontare l’emergenza Covid-19. Attraverso le piattaforme on line, infatti, sono stati donati quasi 9mila euro grazie ai quali sono stati acquistati dispositivi di protezione individuale come maschere e visiere e 6 termometri timpanici che si sommano a quello donato dalla Farmacia Morettini di Pozzuolo. Altre visiere sono state poi donate dalla Agritek di Po’ Bandino e dalla Safety Point di Città della Pieve che ha aggiunto due litri di gel disinfettante. L’associazione Alice e Giovanni Bulgari, inoltre, hanno regalato ai presidi due generatori di ozono, mentre la farmacia Nafissi di Castiglione del Lago ha fatto recapitare all’ospedale 300 mascherine e 24 litri di disinfettante.

L’associazione Azzurro per l’ospedale, invece, ha donato, insieme a Spi Trasimeno, Banca Valdichiana di Chiusi e Montepulciano, Mdg components, famiglia Franco Tassi, Annamaria Merola, Claudia Lisi, Arianna Mencarelli, associazione Passaparola, Rotary Club di Città della Pieve, comitato paesano Sanfatucchio e banda musicale Giuseppe Verdi, numerosi dispositivi di protezione per un valore di oltre 15mila euro (tute, caschi, mascherine di vario genere, occhiali protettivi, taniche di disinfettante). 

Anche i privati cittadini hanno voluto far sentire la propria vicinanza al personale sanitario regalando, ciascuno secondo le proprie possibilità, dispositivi di sicurezza e numerosi pasti a tutto il personale. 

La direzione della Usl Umbria 1 ringrazia tutti i cittadini per il flusso continuo di donazioni che sta ricevendo per il personale sanitario e per i presidi ospedalieri in questo periodo di emergenza sanitaria. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, l'abbraccio di aziende, associazioni e cittadini ai presidi sanitari del Trasimeno

PerugiaToday è in caricamento