Attualità

Coronavirus, la mano tesa della polizia locale di Città di Castello ai più bisognosi

Gli agenti hanno raccolto fondi da destinare alla Caritas

Donazione della polizia locale di Città di Castello alla Caritas per aiutare le famiglie bisognose.

“Anche se dobbiamo svolgere alcune delle funzioni più ingrate - ma essenziali - dello Stato di diritto, noi ci sentiamo soprattutto un presidio di sicurezza per il cittadino e nell’emergenza questo ruolo ha significato fare qualcosa di concreto, oltre i doveri di ufficio, per i cittadini in difficoltà”, così Joselito Orlando, comandante della polizia municipale di Città di Castello, spiega la donazione alla Caritas che il Corpo ha fatto attraverso una raccolta fondi tra il personale.

“Un gesto di solidarietà molto significativo” per l’assessore competente Luca Secondi, che sottolinea “il forte senso di appartenenza del Corpo verso il territorio e tutta la cittadinanza, fondata sul principio che tutti i componenti, graduati e non, sono al servizio della comunità e cercano di rappresentarla al meglio in ogni circostanza”.

“L’emergenza coronavirus - aggiunge il comandante Orlando, a nome di ogni membro della Polizia municipale - sta lasciando un profondo solco sulla società tifernate non solo da un punto di vista sanitario, ma anche socio-economico. Siamo certi che la situazione presto migliorerà e che come sempre sapremo trovare preziosi insegnamenti da questa emergenza. Infine vogliamo ringraziare la cittadinanza per il senso di responsabilità dimostrato nel rispettare la normativa entrata in vigore per far fronte a tale emergenza”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, la mano tesa della polizia locale di Città di Castello ai più bisognosi

PerugiaToday è in caricamento