Coronavirus, l'autocertificazione per giustificare gli spostamenti: ecco come funziona SCARICA IL MODULO

L'ultimo decreto del Governo Conte consente agli italiani di muoversi solo per "comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o spostamenti per motivi di salute". Ecco il modulo da presentare ai controlli: rischio carcere per chi trasgredisce

Scuole chiuse fino al 3 aprile, sport bloccato (compresi i campionati di calcio di Serie A e B) e divieto di spostamento se non per comprovati ragioni di salute, lavoro e casi di necessità. Queste le misure drastiche adottate dal Governo Conte per affrontare l'emergenza coronavirus e limitarne al massimo la diffusione attraverso il contagio, misure che da ieri (9 marzo) hanno trasformato l'Italia area protetta nella sua totalità senza più distinzione tra zone rosse e fasce di diversa allerta.

VIDEO Coronavirus in Umbria, il punto della situazione: parla la presidente Tesei (DIRETTA)

Forti limitazioni agli spostamenti delle persone (non delle merci dunque), anche se resterà possobile muoversi per "comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o spostamenti per motivi di salute" ma con la necessità di presentare ai controlli un 'autocertificazione (il modulo è scaricabile cliccando sul link in fondo al testo) che attesti il motivo per derogare alla direttiva (resta comunque il divieto assoluto a spostarsi, senza eccezioni, per le persone sottoposte a quarantena o positive al coronavirus). Controlli verranno effettuati in aeroporti, stazioni, caselli autostradali con il rischio carcere per chi viola le disposizioni.

 La sanzione per chi viola le limitazioni agli spostamenti è quella prevista in via generale dall'articolo 650 come già indicato nel precedente decreto del 24 febbraio ma - come spiegano le direttive inviate dal Ministero dell'Interno ai prefetti per un'applicazione "unitaria e corretta" dell'ultimo decreto approvato dal governo Conte - "salvo che non si possa configurare un'ipotesi più grave quale quella prevista dall'articolo 452 del Codice penale, delitti colposi contro la salute pubblica che persegue tutte le condotte idonee a produrre un pericolo per la salute pubblica. Un reato per il quale si rischia il carcere. I controlli sul rispetto delle limitazioni agli spostamenti avverranno innanzitutto lungo le linee di comunicazione e le grandi infrastrutture del sistema dei trasporti".

Dal Viminale spiegano poi che i controlli "su autostrade a e viabilità principale saranno eseguiti dalla Polizia Stradale mentre Carabinieri e polizie municipali si occuperanno della viabilità ordinaria. Controlli anche alle stazioni, affidati alla Polfer con la collaborazione del personale di Ferrovie, delle autorità sanitarie e della protezione civile: viene prevista una canalizzazione dei passeggeri in entrata e in uscita dalle stazioni al fine di consentire le verifiche speditive sullo stato di salute dei viaggiatori con i termoscanner". 

modulo_autodichiarazione_10.3.2020-4

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • "Aiutatemi", ragazzo trovato nella notte legato a un albero: indagano i carabinieri

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Giovani coppie, single e famiglie con un solo genitore, dalla Regione quasi 4 milioni per l'acquisto della prima casa

  • INVIATO CITTADINO Perugia, città (ab)usata senza ritegno… nell’indifferenza generale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento