menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, l'omaggio di Massimiliano MaMo Donnari a chi lavora sul fronte dell'emergenza sanitaria

Un dipinto realizzato per una dottoressa della Terapia intensiva di Perugia e un post per dire "grazie" a tutti gli operatori sanitari

Un omaggio a tutto il personale sanitario, medici, infermieri e operatori socio sanitari, che opera sul fronte del contagio da Covid19. Un ritratto di una giovane dottoressa perugina che rappresenta una categoria impegnata senza riserve in un momento difficile per il Paese.

È quanto ha voluto realizzare Massimiliano MaMo Donnari ritraendo “una splendida dottoressa, che oggi lotta per noi in prima linea. Grazie a tutti gli eroi silenziosi che combattono questa guerra!”. La dottoressa in questione è Giulia Pedini (il dipinto ha per soggetto una persona legata da amicizia all’artista, ma che in generale rappresenta tutte le persone impegnate nell’emergenza) della Terapia intensiva dell’ospedale Santa Maria della Misericordia.

Il dipinto è stato anche oggetto di un post su Facebook che ha raccolto molti “like” e tanti commenti da “Grande MaMo” ad “Onore e rispetto”, proseguendo con “Solo i grandi hanno grandi pensieri” fino ai vari “Grandissimo e bravissimo” e “Che mito, grande maestro”.

Nella sezione commenti ce n’è anche uno polemico, in riferimento all’assenza della mascherina per la dottoressa ritratta. Considerando che si tratta di un dipinto era difficili immaginarlo con il volto oscurato. La risposta dell’artista è chiara: “me lo chiedo anche io, perché lo Stato italiano non è in grado di fornirgliele”. L’Azienda ospedaliera perugina ha provveduto tramite i suoi canali normali per quanto riguarda l’approvvigionamento dei dispositivi di protezione individuali.

L’ultimo commento (prima della redazione dell’articolo) è quello di ringraziamento “a tutti i sanitari che spendono la vita per noi senza riserve, vincendo la paura e soffrendo per i propri familiari abbandonati per noi. E grazie a te MaMo per aver realizzato un’opera che li ricorderà per sempre. L’arte non muore mai”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento