rotate-mobile
Attualità

Il Governo cinese non autorizza la partenza dei propri studenti a Perugia: salta l'evento, colpa del virus

L'incontro tra studenti locali e cinesi è rinviato. Dalle nostre scuole disegni e messaggi per testimoniare la vicinanza e la solidarietà

Il Festival delle Arti dei bambini Cina-Italia previsto a Perugia per il prossimo 5/7 febbraio 2020 è rinviato. "Sabato scorso Joy Education di Pechino e il loro partner operativo Jilitour di Roma - si legge in una nota di Umbria Jazz - ci hanno comunicato l’impossibilità di far arrivare in Italia studenti e insegnanti delle scuole di Pechino e Chongqing a seguito delle misure prese dal governo centrale e dalle autorità cittadine cinesi in relazione alla drammatica vicenda del coronavirus". Seppure provenienti da città non direttamente a rischio, studenti ed insegnanti sono stati comunque bloccati dalle restrizioni di viaggio decretate dal Ministero dell’Educazione e comunque in vigore in tutta la Cina.

Gli organizzatori hanno ribadito di comprendere la situazione e le misure assunte dalle autorità cinesi. "Esprimiamo piena solidarietà con l’impegno del Governo cinese e delle migliaia di operatori coinvolti in questa difficile battaglia contro il coronavirus. Siamo vicini ai bambini e agli insegnanti che non potranno essere a Perugia come previsto per dare vita a questo straordinario, gioioso esperimento di interscambio volto a ricercare ed esaltare il linguaggio comune della creatività e dell’arte posto a base del percorso educativo ed esperienziale dei giovani".

"Vogliamo segnalare - si conclude nella nota -  la nostra partecipazione e solidarietà mantenendo la mattina del 6 febbraio, presso il Teatro Morlacchi, in occasione dello spettacolo “Tempo di Chet”, l’incontro dei bambini delle scuole perugine del Comprensivo scolastico 2 con il musicista Paolo Fresu, dedicandolo ai piccoli amici cinesi costretti a restare in patria dal virus. Nei prossimi giorni, inoltre, bambini e insegnanti delle scuole perugine (Comprensivo scolastico 2, Scuola dell’infanzia Santa Croce) invieranno messaggi e disegni ai bambini e alle scuole cinesi per testimoniare la profonda solidarietà e l’emozione per la vicenda drammatica che li sta e ci sta colpendo. Anche il coro dei bambini promosso dalle scuole invierà alle scuole cinesi un video di testimonianza con il lavoro fatto per preparare il Festival". Il tutto dunque è solo rinviato al 2021.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Governo cinese non autorizza la partenza dei propri studenti a Perugia: salta l'evento, colpa del virus

PerugiaToday è in caricamento