Fase 2, parrucchieri ed estetisti magionesi scrivono a Tesei: "Così possiamo salvare le nostre attività"

Richieste e proposte degli operatori dei servizi alla persona: "Riapriamo prima dell'1 giugno"

Parrucchieri, estetisti e barbieri magionesi scrivo alla presidente della Regione, Donatella Tesei, e al sindaco di Magione, Giacomo Chiodini. Scrivono per sottolineare le loro difficoltà e le poche certezze per il futuro nella cosiddetta fase 2 dell'emergenza covid-19-

"Chiediamo una vostra proficua collaborazione affinchè le nostre piccole aziende che hanno subito dei danni economici e morali in questi mesi di chiusura, possano ripartire in sicurezza e in tempi stretti, per scongiurare la chiusura degli stessi - legge nella lettera - Non sappiamo ancora oggi quali saranno i protocolli di sicurezza sanitaria e quando potremo riaprire le nostre attività e quindi ricominciare a lavorare, ma confidiamo anche e soprattutto nella determinazione della presidente Tesei e del sicuro supporto del Comune di Magione per ripartire prima del 1 giugno".

E chiedono: "Moratoria per tasse e tributi comunali per il tempo equivalente al periodo di chiusura che a oggi sono di circa 3 mesi; un protocollo chiaro e inequivocabile riguardo la Sanificazione individuale che sia a tutela dei lavoratori e dei clienti; flessibilità su orari di apertura con un margine temporale che va dalle8 alle 22  e senza obblighi di chiusure settimanali, cosi da poter lavorare in piu turni e non lasciare i dipendenti a casa, fino a quando non si saranno ristabiliti i normali iter di vita quotidiana come prima della emergenza; la possibilità di poter ospitare 1 cliente ogni 15 metri quadrati di negozio, in tal caso verranno eliminate le aree di attesa e quindi le soste all’interno dei saloni".

"Nell’eventualità che ci siano più collaboratori che però causa dimensione dei saloni, non potranno lavorare  - aggiungono - chiediamo di prendere in considerazione la possibilità di effettuare il servizio a domicilio che sarà dimostrabile tramite scontrino fiscale e garantendo gli standard di protezione con l’ausilio di mascherine, visiere, guanti e materiali usa e getta e di tutto quello che ci verrà richiesto dalle autorità. Infine chiediamo di consentire a tutti i saloni di settore, l’applicazione di una tariffa simbolica nominata come “kit personale” che prevede tutto il materiale monouso come kimono, asciugamani, mantelline, spazzole e pettini igienizzati monouso. La somma da richiedere in via simbolica è di 3 euro.Concludiamo con chiederle un’accelerazione riguardo la comunicazione e le indicazioni per poterci mettere il linea con le normative attuali in materia di sanificazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Linea Verde Life fa tappa a Perugia ed elogia l’Antica Latteria di via Baglioni (le immagini)

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Occhio allo smishing, la nuova truffa svuota conto corrente: basta rispondere ad un sms

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento