rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Attualità Centro Storico

L’arte crea corrispondenze: la collaborazione tra il Comitato per la Vita “Daniele Chianelli” e la Galleria Nazionale dell’Umbria

Un ampio programma di attività per la creazione di nuove forme di inclusività. Franco Chianelli: “I nostri ospiti non sono la loro malattia, tutt’altro, sono persone che vivono a pieno la vita”

La Galleria Nazionale dell’Umbria, di anno in anno, conferma il suo essere più che un museo. È un veicolo di socialità, di inclusività ma anche un spazio della città che accoglie e supporta. 
Grazie a un finanziamento ministeriale la GNU ha potuto avviare una serie di iniziative volte a rendere questo luogo di cultura, un luogo dell’incontro, aperto e accessibile a tutti.
Nasce in questo contesto la convenzione di due anni stipulata con il Comitato per la Vita “Daniele Chianelli” che ha lo scopo di mettere in atto forme integrate di collaborazione per la fruizione delle opere e delle attività della Galleria, attraverso modalità studiate per coinvolgere anche i pazienti impossibilitati a lasciare il Residence, a causa di condizioni particolarmente delicate di salute.

Il direttore della Galleria, Marco Pierini, ha spiegato: "Includere non significa chiudere: significa essere capaci di creare corrispondenze che sappiano portare all’esterno un’intera collezione, un modo di lavorare, un’esperienza”. 
E ancora: “Abbiamo allestito uno spazio che si propone di essere accogliente; il passaggio successivo è di portare la nostra idea di accoglienza presso coloro che, per una ragione o per un’altra, non possono venire a visitarci o incontrino qualche difficoltà nella fruizione”.

L’associazione onlus, con sede a Perugia, si propone di supportare la ricerca, la cura e l’assistenza di bambini, ragazzi e adulti malati di tumori, leucemie, linfomi e mielomi, ma anche di perseguire attraverso varie tipologie di intervento il benessere dei pazienti e dei loro familiari. A questo scopo l’associazione garantisce l’accoglienza al Residence “Daniele Chianelli” dove, oltre alla dimensione quotidiana, vengono sviluppate attività multidisciplinari da parte di professionisti, psicologi, assistenti sociali, mediatori culturali madrelingua, arteterapeuti, musicoterapeuti, operatori e volontari.

Franco Chianelli, il presidente del Comitato, ha raccontato: “Questa bellissima relazione ci offre anche la possibilità di dimostrare che i nostri ospiti in cura nei Reparti di Ematologia ed Oncoematologia pediatrica non sono la loro malattia, tutt’altro, sono persone che vivono a pieno la vita, che fanno progetti per il futuro si aprono all’arte, alla cultura, alle nuove esperienze con grande entusiasmo e vitalità. E noi cerchiamo in ogni modo di sostenerli nel loro percorso attraverso i nostri numerosi operatori, non solo le arteterapeute che hanno collaborato a pieno in questa prima attività del progetto condivisa con i bravissimi artisti di Becoming X, ma anche le psicologhe, i musicoterapeuti, l’assistente sociale, l’ortoterapia, il teatro-terapia, i nostri numerosi volontari, per un supporto a 360 gradi per pazienti e familiari di cui questo bellissimo progetto è entrato a far parte a pieno titolo”.

Questa sera, venerdì 8 settembre, nell’ambito della rassegna “Di venere e di marte si dà principio all’arte”, si svolgerà il primo incontro SPETTRO. Live in a Rainbow of Chaos, un live drawing per 7 disegnatori, 7 musicisti dell’Orchestra da Camera di Perugia, con la partecipazione attiva dei pazienti del Comitato Chianelli.

Un evento aperto al pubblico nato durante un workshop al Residence, dove pazienti e artisti si sono confrontati sui colori dell’iride, cercando di interpretare emozioni, vissuti e sensazioni.

“L’esperimento con il Comitato per la vita ‘Daniele Chianelli’ ci ha insegnato, fin da subito, che il nostro compito non è organizzare un evento che si esaurisca nel qui e nell’ora, ma di immaginare una progettualità che abbia un respiro lungo e, soprattutto, incisivo. È un ‘modello’ che sta funzionando e che abbiamo in animo di applicare in altri campi, perché genitore di buone pratiche, virtuose e, soprattutto, efficaci” conclude il direttore Pierini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’arte crea corrispondenze: la collaborazione tra il Comitato per la Vita “Daniele Chianelli” e la Galleria Nazionale dell’Umbria

PerugiaToday è in caricamento