menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Registro della bi-genitorialità, via libera del consiglio comunale al regolamento per tutelare i diritti dei minori

Michele Nannarone: "I figli devono veder preservato in ogni caso il diritto a fruire dell'apporto educativo ed affettivo di entrambi i genitori"

Approvato dal consiglio comunale l'ordine del giorno per il regolamento del registro della bigenitorialità. Lo scopo dell'atto è quello di garantire, in caso di separazione dei coniugi, la piena tutela degli interessi del minore attraverso una serie di garanzie per cui i genitori continuano ad esercitare gli stessi diritti e doveri, in un contesto di rispetto e reciprocità.

"I figli - ha dichiarato il capogruppo FdI Michele Nannarone - devono veder preservato in ogni caso il diritto a fruire dell'apporto educativo ed affettivo di entrambi i genitori ed intrattenere con loro rapporti affettivi continuativi e costanti nella loro quotidianità".

La proposta di regolamento di 7 articoli prevede che sia istituito presso il Comune di Perugia il registro amministrativo per il diritto del minore alla bigenitorialità, con rilevanza esclusivamente amministrativa. Il minore può essere iscritto al registro a condizione che ne faccia richiesta almeno uno dei genitori, che sia titolare della responsabilità genitoriale, e che il minore sia residente nel Comune di Perugia. Con l’iscrizione del minore nel registro, questi, per tutti i fini amministrativi e l’interazione con i soggetti che orbitano attorno a lui, risulterà domiciliato presso le residenze di entrambi i genitori, che vengono riportate nel registro. Su richiesta di uno dei genitori, è possibile ottenere dal Comune apposita attestazione nella quale verrà dato atto delle dichiarazioni rese dal o dai genitori, al fine dell’iscrizione al registro del figlio minore.

Nel caso in cui il Comune venisse reso edotto della perdita dei requisiti indispensabili in capo ad uno dei genitori per l’iscrizione al registro, si provvederà d’ufficio alla cancellazione dallo stesso. Il Comune si impegna a promuovere azioni di informazione e sensibilizzazione delle altre Istituzioni sulla natura del registro comunale, rendendo disponibili i dati in esso contenuti al fine di agevolare i contatti con la famiglia del minore relativamente ai doveri da assolvere o alla comunicazione dei servizi di cui usufruire o relativamente alle azioni da comunicare. Gli ultimi due articoli riguardano il trattamento dei dati, con particolare valenza riguardando minori e la previsione che entro 60 giorni dall’approvazione del regolamento si provveda all’organizzazione del Registro, alla predisposizione della relativa modulistica e alla definizione degli uffici competenti alla sua gestione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento