rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Attualità

INVIATO CITTADINO L’Agimus chiude i concerti all’Unistra con ‘A place to be’. Perché il jazz, a Perugia, non basta mai

Un concerto di caratura internazionale, con al centro il lavoro di Marco Evangelista, polistrumentista (pianoforte e flicorno) e compositore

L’Agimus chiude i concerti all’Unistra con ‘A place to be’. Perché il jazz, a Perugia, non basta mai.

Un concerto di caratura internazionale, con al centro il lavoro di Marco Evangelista, polistrumentista (pianoforte e flicorno) e compositore. Uno dei figli eccellenti delle clinics Berklee di Pagnotta. Con lui, il formidabile batterista Fabio D’Insanto, a scandire con discrezione musiche originali. Col bassista Stefano Fanini, puntuale e pregevole.

Voce di Barbara Baldaccini. Per “poetry”, ospiti internazionali quali Jason Johnson con cappello da cow boy e bastone da sciamano. Insieme a Mike Warren, rapper da San Francisco. 

FOTO - L’Agimus chiude i concerti all’Unistra con ‘A place to be’

Marco Evangelista è talento precoce, lattato da genitori pianisti. A sette anni partecipa a concorsi con esiti strepitosi. A undici scopre la tromba e il jazz. Partecipa alle clinics perugine e viene riconosciuto come “Miglior talento 2001”.

Poi si iscrive al Corso di composizione al conservatorio Morlacchi e consegue il diploma di secondo livello di Musica Antica e Direzione del Coro.

Spazia fra generi. Compie esperienze internazionali con trasferte etiopiche ad Addis Abeba, dove si approccia a interessanti esperienze musicali.

Riunisce le sonorità che lo hanno più colpito in “Musical Heritage”.

È del 2021 la fondazione di Mellotone Studium, uno studio-factory perugino da cui escono prodotti di vaglia: dal jazz al rock, dal cantautorato al rap.

Il suo più recente album “A place to be” è il frutto di una matura riflessione sulla propria esperienza umana e musicale. Il brano di chiusura “Vallingegno” scaturisce dalle memorie di un luogo magico dell’eugubino: una badia francescana in cui si mescolano sensazioni, profumi, atmosfere anche intime. Come la memoria commossa del padre di cui ricorre il ventennale dalla morte.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO L’Agimus chiude i concerti all’Unistra con ‘A place to be’. Perché il jazz, a Perugia, non basta mai

PerugiaToday è in caricamento