menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Patrignano, uscire dall'inferno della droga: sul palco perugino i ragazzi della comunità

Con loro Francesco Apolloni, attore e regista, che li ha guidati nel percorso attoriale

Esistono i cosiddetti “ragazzi perbene”, ma anche quelli “permale”. Proprio su questi ultimi – spesso afflitti da problemi di carattere sociale, familiare, economico psicologico, relazionale – si gioca la scommessa del recupero. “Perugia non è la capitale della droga”, si diceva. Ma è innegabile che qualche problema in tal senso ci sia stato e tuttora esista. Lo documentano inequivocabilmente i 144 arresti del 2017 riconducibili a reati del settore.

Presentato i Sala dei Notari “We free”, una kermesse assecondata dai ragazzi della Comunità di San Patrignano, convocati nella Vetusta (ma anche nei centri di Todi e Marsciano) per dare man forte all’informazione, utilizzata quale efficace arma di prevenzione. Perché sapere e conoscere sono il primo passo per evitare di entrare nel tunnel delle tossicodipendenze.

Promotori dell’iniziativa ben nove Lions Club delle due Circoscrizioni umbre VII e IX e del Leo Club di Perugia, operanti in sinergia, con l’associazione Anglad che emana da San Patrignano. Una tre giorni (17, 18 3 19) che vede la convinta adesione di tante scuole superiori del territorio. E che si articola nella presentazione del libro di Angela Iantosca “Una sottile linea bianca” e nella rappresentazione teatrale “Ragazzi per male”.

Sul palco Diego, ragazzo umbro, e Silvia, di Trento, con un vissuto segnato dal consumo di sostanze psicotrope. Con loro Francesco Apolloni, attore e regista, che li ha guidati nel percorso attoriale il cui testo non è da inventare, ma spiega e racconta una caduta e una rinascita. Perché – come si dice – “solo chi cade può risorgere”. Ma è pur vero che sarebbe preferibile “non cadere”.

Attenzione e tensione da parte dei tanti giovani assiepati perfino sui banchi laterali della Sala istituzionale più prestigiosa della città. Tutti “persuasi” che la libertà vera è quella che ci fa dipendere solo da noi stessi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento