rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Attualità

Centro civico di Ponte San Giovanni, il sindaco: "Con la posa della prima pietra ridiamo dignità al quartiere"

Il lavori, per 2,2 milioni di euro, termineranno entro il novembre del 2020

Posata la prima pietra del nuovo Centro Civico di Ponte San Giovanni, che sorgerà in via Cestellini, nel piazzale adiacente la caserma dei Carabinieri, in un’area già di proprietà comunale.

La struttura ospiterà la sede URP e servizi sociali, la sede dei vigili urbani e gli uffici decentrati Tiberina sud, la Circoscrizione 4.0, la biblioteca comunale e un rimessaggio di mezzi e attrezzature. Sarà al centro del quartiere, vicina a tutti gli altri servizi pubblici – Poste, Asl, scuole, CVA, Carabinieri, stazione ferroviaria - e potrà godere della presenza di un ampio parcheggio nella attigua piazza del Mercato. La biblioteca potrà contenere circa 1300 volumi e una trentina di postazioni ai tavoli; vi saranno spazi per i bambini e una sala lettura per 58 posti, che, all’occorrenza, potrà ospitare incontri e riunioni della comunità, dal momento che avrà un accesso indipendente dagli uffici e sarà utilizzabile anche quando questi sono chiusi. Vi sarà anche un’attigua area verde a completare il decoro della piazza.

Il progetto definitivo del centro era stato approvato il 29 ottobre 2018, mentre quello esecutivo il 19 dicembre dello stesso anno. I lavori erano stati avviati nel corso del 2019 e termineranno entro novembre di quest’anno. L’importo della spesa prevista è di 2,2 milioni di euro, finanziabile per la maggior parte con stanziamenti già previsti nel bilancio comunale e per il resto –718.000 euro- con la cessione di immobile.

Posa della prima pietra del Centro civico di Ponte San Giovanni

Alla cerimonia di questa mattina, oltre al Sindaco, erano presenti gli assessori Numerini, Scoccia, Merli, i consiglieri Befani e Mattioni, i tecnici del Comune che hanno interamente progettato l’opera e ne stanno seguendo i lavori, i rappresentanti della ditta Tosco Edil e molti cittadini del quartiere. “La struttura - ha sottolineato, tra l’altro, l’assessore Numerini aprendo l’incontro - risponde alla vocazione identitaria del quartiere di Ponte San Giovanni, che possiamo considerare una piccola municipalità, diventando un luogo di incontro per il quartiere stesso. Ma ci consente anche di risparmiare. Oggi, infatti, i servizi che poi confluiranno qui, sono dislocati in varie zone, in locali in affitto, con un costo per l’amministrazione che è di circa 150mila euro”.

"Oggi, credo che quest’opera possa essere considerata il riconoscimento della dignità e dell’importanza di Ponte San Giovanni, con una riqualificazione che non si fermerà qui, perché è nostra intenzione 'ricucire' vari luoghi del quartiere, per esempio attraverso quanto previsto nel Pums anche in termini di viabilità ciclopedonale” ha detto il sindaco Romizi. A benedire l’opera, al termine, è stato don Antonio Sabatini, parroco della vicina chiesa di San Bartolomeo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centro civico di Ponte San Giovanni, il sindaco: "Con la posa della prima pietra ridiamo dignità al quartiere"

PerugiaToday è in caricamento