menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Perugia rende omaggio all'ex sindaco Antonio Berardi: intitolata rotatoria vicino all'ospedale

Cerimonia di intitolazione della rotatoria tra via Dottori e viale Belinguer alla figura di Antonio Berardi, medico, deputato, già sindaco di Perugia, e compositore

Perugia rende omaggio ad Antonio Berardi (medico, deputato, già sindaco di Perugia, e compositore) con l'intitolazione della rotatoria tra via Dottori e viale Belinguer nella zona dell’ospedale Santa Maria della Misericordia. 

L’inaugurazione di oggi, sottolinea il Comune, "è stata definita dai numerosi presenti un “momento particolare” perché finalmente viene dedicata un’importante area della città ad un ex sindaco che per troppo tempo è stato dimenticato. Berardi è una figura che colpisce per la sua straordinaria umanità e per aver vissuto con un’attenzione particolare rivolta ai giovani ed ai più bisognosi. Fu persona perbene, dolce ed estremamente buona ma in grado di esprimere sicurezza pur in tempi profondamente complessi. Dunque quello di oggi è un doveroso tributo ad un rappresentante di una generazione che seppe ricostruire l’Italia mettendo al centro le persone".

Antonio Berardi, la biografia

Antonio Berardi nacque a Poggio Renatico (Ferrara ) il 10 maggio 1894 in una famiglia poverissima: fu il maggiore di ben 11 figli. Laureatosi cum laude, ottenne poi la specializzazione in Pediatria ed infine nel 1932 divenne professore con Libera docenza. Fu medico molto moderno come si evince anche dai numerosi scritti di puericultura, di Semeiotica e di Medicina Pediatrica pubblicati che, seppur datati, sono ancora  oggi di estrema attualità.

Dopo la guerra, divenne Direttore dell’OMNI (opera nazionale maternità ed infanzia ); l' attività principale dell' Ente, era quella di prestare aiuto ed assistenza medica gratuita alle famiglie indigenti ed ai tanti orfani con refettori che offrivano sempre un pasto caldo , ostetriche specializzate, medici che seguivano le donne dalla gravidanza al parto e pediatri che  curavano i bambini  fino alla maggiore età.

Fu eletto Deputato nel collegio proporzionale di Perugia nelle elezioni tenutesi il 7 giugno 1953.Da quella data, fino al giugno del 58, si divise fra Roma e l’Umbria per poter proseguire anche la sua professione di medico. Tutta la sua attività di parlamentare fu volta a promuovere prevalentemente proposte di legge sanitarie e di riassetto economico di questo settore. Nel dicembre del 1957 fu fra i soci fondatori della Famiglia Perugina, associazione nata allo scopo di mantenere fra i cittadini il senso storico e le tradizioni della città, di tutelarne gli interessi culturali, economici e sociali e di contribuire al suo sviluppo e progresso. Fu eletto nel 1964 Sindaco: legò in quegli anni il suo nome a molti progetti di miglioramento del Capoluogo, strade, sottopasso di Fontivegge , garage della galleria, centrale del latte, centro di macellazione delle carni, illuminazione pubblica e biblioteca comunale. Ebbe molto a cuore in particolare l’istruzione.

Accanto alla figura di medico e politico fu anche musicista e compositore di musica sacra. Molte delle sue musiche, oggi conservate presso la Biblioteca Augusta , ricordano momenti di gioia e feste familiari, altre, i periodi bui della sua infanzia, tanti infatti i "requiem" per i tanti fratelli ed amici a cui sopravvisse. Mori il 15 gennaio 1975 ad ottantuno anni per complicazioni intervenute in seguito di un semplice intervento chirurgico da lui stesso pianificato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giro d'Italia 2021, tre tappe in Provincia di Perugia: "Disagi alla viabilità ripagati dalla visibilità offerta al nostro territorio"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento