rotate-mobile
Attualità

Conti in rosso e dirigenti "mobili", Sanità umbra in cisi profonda, Manzotti (Cisl Umbria): ''Chiediamo un cambio di passo''

Il sindacato: "Siamo passati dal valzer del rimpasto di giunta a quello dei direttori"

“Sanità in Umbria: dal valzer del rimpasto di Giunta a quello dei direttori”. E’ Angelo Manzotti, segretario generale Cisl Umbria, a chiedere un cambio di passo alla politica e alle istituzioni. “Siamo stanchi di vedere l’attenzione focalizzata su questioni che poco hanno a che fare con i pazienti e con chi tutti i giorni è impegnato a dare risposte agli utenti, ossia i lavoratori della sanità e in particolar modo quello delle due aziende ospedaliere. Anche per questo abbiamo convocato un altro direttivo esecutivo, calendarizzato per il prossimo primo marzo, per fare il punto della situazione sulla sanità umbra, elaborare strategie dedicate e finalizzate a dare risposte a quanti si rivolgono alle nostre sedi lamentando le varie inefficienze e, quindi, elaborare proposte per risolvere in concreto la questione. Questo nella consapevolezza che i cambi al vertice, se repentini e frequenti, hanno ricadute negative in termini di qualità del servizio e di performance aziendale”.

Per la Cisl Umbria infatti c’è un’emergenza regionale che necessita di risposte immediate. “L’emergenza è rappresentata in primo luogo dalle liste d’attesa – spiega Manzotti -, un ostacolo insormontabile per chi si trova nella condizione di doversi curare, sino a vedersi costretto a rinuciare, ma anche di chi si rivolge alla sanità pubblica per un controllo, per fare prevenzione”.

La risposta, per la Cisl Umbria, si trova nella sanità territoriale. “Ad oggi, anche in base alle informazioni fornite dal Ministero competente – continua Manzotti –, una risposta territoriale è pressoché inesistente. Le 26 case di comunità sono state solo individuate e, anche se sono a disposizione i fondi del Pnrr sanità, ancora non hanno trovato nè una concreta realizzazione nè una definizione delle figure professionali che saranno presenti in esse. Le conseguenze di questi ritardi, quindi, sono sotto gli occhi di tutti e si vedono negli ingolfamenti al pronto soccorso. Situazione, questa, che è insostenibile per chi ci lavora e per chi ci si reca con un problema in cerca di aiuto”.

La Cisl Umbria si rivolge alla Giunta regionale. “E' urgente – conclude il segretario generale Cisl Umbria – l'istituzione di un tavolo per affrontare le gravi criticità in essere e individuare un percorso che possa ridare agli umbri una sanità rispondente alle proprie esigenze e sempre più inclusiva. Il nostro auspicio è che si possa tornare ad essere, come in passato, ad essere una regione attrattiva, nella quale si sceglie di volersi curare. La questione - precisa Manzotti - investe anche l'organizzazione e la sicurezza. Altrimenti, se non saremo in grado di arginare il declino in essere, la situazione potrebbe peggiorare ulteriormente non solo sul versante delle liste di attesa. Infatti, stiamo assistendo ad una preoccupante fuoriuscita di personale specializzato dal sistema pubblico che si riversa in altre regioni o nel settore privato. In tal modo si depaupera un patrimonio e si potrebbero avere anche ricadute in termini di qualità dei servizi offerti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conti in rosso e dirigenti "mobili", Sanità umbra in cisi profonda, Manzotti (Cisl Umbria): ''Chiediamo un cambio di passo''

PerugiaToday è in caricamento