Attualità

Tito Film Festival, Claudia Gerini incanta sul 'red carpet' di Costacciaro: "Felice di essere qui"

L'attrice, madrina del 'Festival della Gratitudine', grande protagonista della serata inaugurale

Claudia Gerini incanta Costacciaro, dove l'attrice è madrina della prima edizione del Tito Film Festival, Il Festival della Gratitudine. Accompagnata dalla produttrice Manuela Cacciamani, dal sindaco Andrea Capponi, dal direttore artistico del festival Emanuele Sabetta e dal presidente della Pro Costacciaro Aps Riccardo Conti, nella serata inaugurale di ieri (venerdì 16 agosto) la Gerini ha percorso il red carpet, gremito per il suo arrivo, fra applausi e foto. 

"Sono davvero felice di essere qui a Costacciaro per questo Festival della Gratitudine, perché il cinema è un mondo dove la riconoscenza può avere un valore cruciale - ha detto la madrina della manifestazione -. È un lavoro fatto di immagini, autori, maestranze e talento, ma anche di alleanze, solidarietà e famiglia. Questo è un modo per dire grazie a tutti coloro che, negli anni, mi hanno insegnato qualcosa, sostenuto e incoraggiato. Di Cinecittà - ha concluso -serbo ricordi straordinari, un luogo incredibile e unico, è la fabbrica dei sogni"

La 49enne attrice romana ha inaugurato la mostra del regista e fotografo Fabio Lovino, allestita nel Palazzo Ducale di Costacciaro e dedicata a memorabili set di Cinecittà. La città di Costacciaro è stata allestita come un set cinematografico e riempita da statue giganti simbolo degli Oscar. Un quartetto di archi si è esibito in un concerto di colonne sonore dei film cult del Cinema italiano. A causa del maltempo i talk e le interviste, moderati dalla giornalista Ilaria Ravarino, si sono tenuti nella storica Chiesa di San Francesco grazie all’ospitalità del Parroco di Costacciaro, Don Nando. Il festival assegna i Premi Gratitudine per ringraziare maestranze e autori per la dedizione al Cinema italiano o il talento riconosciuto nel panorama internazionale.

Ieri sono stati inoltre assegnati tre Premi Gratitudine. Il primo è andato a una figura storica, Nando Cacciamani, capo della vigilanza degli studi di Cinecittà per oltre mezzo secolo e memoria storica di aneddoti avvenuti su set storici. Il secondo Premio è stato assegnato a Massimo Cantini Parrini, costumista di film italiani e internazionali, 5 David di Donatello, 4 Nastri D’argento e una nomination agli Oscar per i costumi del film “Pinocchio” diretto da Matteo Garrone. Infine, la madrina Claudia Gerini, ha consegnato il Premio Gratitudine a Fabio Lovino artista e fotografo, autore di numerosi reportage e documentari. È stato inoltre dedicato un commosso ricordo all’attore Libero De Rienzo.

Si è poi tenuto un talk su “Le derive del digitale” con l’attrice e influencer Jenny de Nucci e il regista Lorenzo Giovenga. Oggi, sabato 17 luglio il festival proseguirà con l’attesissima masterclass tenuta da Roberto Recchioni, direttore editoriale della mitica rivista “Dylan Dog”. Proseguiranno inoltre gli incontri nella Chiesa di San Francesco con Francesco Pannofino, Giulio Base e Nicola Nocella. Richiestissime le postazioni per la visione in Virtual Reality allestite nella sala del Frantoio al centro del paese.

"Ho accolto con entusiasmo l’opportunità di sostenere questo festival - ha spiegato Manuela Cacciamani, Founder di One More Pictures e sostenitrice della manifestazione -perché la gratitudine  rappresenta il cordone ombelicale attraverso il quale possiamo guardare al futuro con maggiore fiducia".

Il festival è diretto da Emanuele Sabetta, ed è organizzato dai giovanissimi dell’Associazione Pro Costacciaro APS, in collaborazione con Istituto Luce – Cinecittà, Manuela Cacciamani Founder di One More Pictures, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, con il supporto di Rai Cinema e con la Media partnership di Posso.it, del magazine di Chili, Hot Corn, e Direct 2 Brain. Patrocinato dalla Regione Umbria, da Umbria Film Commission e dal Comune di Costacciaro con Università degli Uomini Originari di Costacciaro e Associazione Costacciaro Make Up. E’ sostenuto da Birra Flea e Cotril.

Questa edizione è dedicata a Tito Marconi, primo Presidente di Cinecittà, originario di Costacciaro. Non a caso diversi cittadini Umbri, per impulso dello stesso Marconi, diventarono quelle abili maestranze del cinema che, a partire dal dopoguerra, contribuirono alla rinascita di Cinecittà, prendendo parte alla realizzazione di capolavori quali Ben-Hur e Cleopatra.

L'artwork della locandina del Festival è stato realizzato dall’artista di fama internazionale Marco Gallotta. Newyorkese d’adozione, l’artista ha fatto del papercutting il suo modus operandi e può vantare collaborazioni con partner quali Chanel, Vogue, Campari, Timberland, Nike, e figure note come Ennio Morricone e Will Smith.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tito Film Festival, Claudia Gerini incanta sul 'red carpet' di Costacciaro: "Felice di essere qui"

PerugiaToday è in caricamento