Chiusura E45, incubo isolamento. Confcommercio: "Fate presto"

L'associazione di categoria: la sicurezza è fondamentale, ma i disagi incidono pesantemente. Federalberghi: isolamento e condizioni delle infrastrutture frenano lo sviluppo dell'Umbria

Fare presto. E' l'imperativo della Confcommercio per la E45, da ieri interessata dalla chiusura del tratto a cavallo tra Toscana ed Emilia Romagna, disposto dalla Procura della Repubblica di Arezzo. “Gli imprenditori umbri, e non solo quelli della Valtiberina naturalmente più coinvolti, sono molto preoccupati per la situazione di incertezza che si è creata a seguito della chiusura della quattrocorsie. Ora è strategico il fattore tempo: bisogna risolvere questa situazione nel minor tempo possibile”.

“Non discutiamo la necessità di mettere in sicurezza il viadotto ora sotto sequestro – spiega Confcommercio Umbria - La sicurezza è prerequisito fondamentale, come ci insegnano le tragiche recenti esperienze Ciò che preoccupa gli imprenditori, ma anche i cittadini umbri – prosegue l'associazione – sono semmai le modalità e i tempi di riapertura, in assenza di alternative che rendano i disagi umanamente ed economicamente sopportabili”.

“La vicenda della E45 – aggiunge Federalberghi Umbria – riporta pesantemente l’attenzione sull’isolamento storico dell’Umbria e sulla condizione delle sue infrastrutture, che rallentano lo sviluppo anche da un punto di vista turistico”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In forma dopo i 40/50 anni, ecco la dieta giusta

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 novembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento