Mercoledì, 23 Giugno 2021
Attualità

Chiusura E45, incubo isolamento. Confcommercio: "Fate presto"

L'associazione di categoria: la sicurezza è fondamentale, ma i disagi incidono pesantemente. Federalberghi: isolamento e condizioni delle infrastrutture frenano lo sviluppo dell'Umbria

Fare presto. E' l'imperativo della Confcommercio per la E45, da ieri interessata dalla chiusura del tratto a cavallo tra Toscana ed Emilia Romagna, disposto dalla Procura della Repubblica di Arezzo. “Gli imprenditori umbri, e non solo quelli della Valtiberina naturalmente più coinvolti, sono molto preoccupati per la situazione di incertezza che si è creata a seguito della chiusura della quattrocorsie. Ora è strategico il fattore tempo: bisogna risolvere questa situazione nel minor tempo possibile”.

“Non discutiamo la necessità di mettere in sicurezza il viadotto ora sotto sequestro – spiega Confcommercio Umbria - La sicurezza è prerequisito fondamentale, come ci insegnano le tragiche recenti esperienze Ciò che preoccupa gli imprenditori, ma anche i cittadini umbri – prosegue l'associazione – sono semmai le modalità e i tempi di riapertura, in assenza di alternative che rendano i disagi umanamente ed economicamente sopportabili”.

“La vicenda della E45 – aggiunge Federalberghi Umbria – riporta pesantemente l’attenzione sull’isolamento storico dell’Umbria e sulla condizione delle sue infrastrutture, che rallentano lo sviluppo anche da un punto di vista turistico”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiusura E45, incubo isolamento. Confcommercio: "Fate presto"

PerugiaToday è in caricamento