Corso Vannucci, ecco gli alberi della generosità: ti diverti ad addobbarli e fai un'offerta contro il cancro

Ma occhio a dove rimpiantarli dopo le festività: il racconto del nostro inviato cittadino

Novità in corso Vannucci, all’altezza dell’intersezione con via Mazzini. Disposti a ferro di cavallo, aperto verso il duomo, una serie di 7 alberelli di Natale, con su appeso un avviso. L’iniziativa si propone col brand “AddobbiAMO Perugia” ed è ispirata a lodevoli finalità benefiche. Il volantino recita: “Sono un albero di Natale in attesa delle ultime rifiniture. Mi sto facendo bello!

Dal 7 dicembre, dalle ore 16, potrai decorarmi insieme a tutti gli abitanti di Perugia. Potrai ritirare, a fronte di una piccola donazione, per l’Associazione Umbra per la lotta contro il cancro onlus, una pallina di Natale nella cassetta di legno qui accanto [ancora la cassetta con le palline non c’è. Ndr]. Sulla pallina potrai scrivere un pensiero natalizio. Ti aspetto per decorare Perugia ed aiutare l’Associazione Aucc”. E c’è anche un poscritto (pericoloso!): “Che cosa ne sarà di me dopo il Natale? Verrò ripiantato diventando ancora più grande e forte per abbellire il nostro verde urbano non solo nel periodo natalizio”. Seguono ringraziamenti al Comune di Perugia, al Rotary Perugia Est, a Erasmus Student Network Perugia.

Sul pianalino che separa gli alberelli una scritta avvisa di non sedere: evidentemente quella base di appoggio non è in grado di sopportare carichi. Ottima iniziativa. Vedere quegli alberelli addobbati darà la misura della generosità di perugini… e non. Ma su una cosa è bene essere chiari, a proposito della vita futura di quelle piante: non vorremmo vedere in giro, piantati in spazi inadeguati quegli abeti. Perugia è già abbastanza tormentata da essenze arboree fuori luogo che fanno solo danni. Gli alberi crescono e ce ne accorgiamo solo quando diventano impattanti. 

Poi scattano le posizioni dei komeinisti del verde per i quali è accettabile – come è avvenuto nella piaggia di San Fortunato, in fondo a via Bartolo – che quel verde incongruo ostruisca la visuale della tessitura muraria etrusca in prossimità dell’Arco. L’abbattimento di una pianta, che già fu albero di Natale, ha comportato liti furibonde. E c’è voluta tutta la caparbietà del consigliere Franco Ivan Nucciarelli per toglierla di mezzo (era anche pericolosa e si protendeva verso i mezzi in discesa). Per non parlare degli innumerevoli pini che sollevano strada e marciapiedi in monte zone della città. Il verde è bello e va rispettato, ottima la beneficenza ma… attenti a dove si ripiantano gli alberi di Natale.·
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 30 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 29 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 27 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 3 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 2 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa all'1 dicembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento