Un 25 Aprile baciato dal sole. Romizi: "Tassello fondante per l'Italia civile". I partigiani: "Mai più odio e violenze"

Tantissima gente per le celebrazioni della Liberazione. Sul palco oltre il sindaco Romizi anche i partigiani Mirella Aloisio e Francesco Innamorati. Il loro messaggio ai giovani

Un 25 aprile baciato dal sole, senza i veleni della campagna elettorale, senza provocazioni, ma all'insegna del ricorso e del rispetto. La festa della Liberazione ha visto la presenza massiccia dei rappresentanti delle istituzioni e del mondo politico locale e nazionale, del Parlamento Europeo, nonché delle forze dell’ordine e delle associazioni combattentistiche e d’arme della città.

Come da programma, il corteo ha fatto tappa dapprima al civico cimitero per la deposizione delle corone sul Sacello dei caduti e sulle tombe delle medaglie d’oro della Resistenza, per poi raggiungere Borgo XX Giugno e concludere all’Ara Pacis di Via Masi, con la deposizione, anche in questo caso, di corone d’alloro in memoria di tutti i caduti. E’ stato in Borgo XX Giugno, davanti al Poligono di Tiro, sulla cui lapide è stata apposta la corona d’alloro in memoria dei nove partigiani uccisi dai tedeschi nel 1944, che le celebrazioni hanno raggiunto il culmine con il discorso del Primo cittadino e il ricordo del 25 aprile 1945, testimoniato anche quest’anno da Mirella Aloisio e Francesco Innamorati, grazie alla collaborazione del comitato Anpi di Perugia.

Il Sindaco Romizi ha, innanzitutto, ricordato come il 25 aprile, per storia e per legge sia festa nazionale e come tale vada celebrata. Una data spartiacque negli accadimenti italiani e internazionali, l’ha definita, e un tassello fondante dell’Italia repubblicana e del sentimento civile nel nostro paese. A Perugia, il 25 aprile 1945 si lega al 20 giugno 1944, che di esso fu premessa; un giorno di festa e di riscatto per la libertà ritrovata. E’ stato sottolineato, altresì, come la Liberazione fu anche il culmine dell’impegno di tanti, in vari ruoli, e di un grande sacrificio di vite umane, dei tanti caduti umbri, morti per la libertà, che in questa giornata si vogliono commemorare tutti rivolgendo loro il pensiero più affettuoso e il grato ricordo per il sacrificio estremo che hanno fatto. Come in Umbria in tutta Italia vi fu una reazione diffusa e corale, che fu la Resistenza, fatta di grandi e piccole storie di eroismo. 

A chiudere il discorso del Sindaco, le parole di Aldo Capitini, scritte nel 1944: “l’antifascismo -scriveva Capitini- come liquidazione pratica del fascismo procederà abbastanza rapidamente in varie fasi… ma il miglior antifascismo è nel riprendere la formazione morale, la trasformazione istituzionale e sociale.”

IL RICORDO DEI DUE PARTIGIANI - Particolarmente vivo e sentito il ricordo di quel 25 aprile 1945 da parte dei due partigiani, che in prima persona lo hanno vissuto e oggi raccontato ai tanti presenti. Mirella Aloisio ha ripercorso quanto accadde a Genova, dove lei stessa si trovava: ore concitate di negoziazione tra il locale Comitato di Liberazione Nazionale e le truppe tedesche che minacciavano la città, che si incontrarono nella sede dell’arcivescovado per la resa di queste ultime. I rappresentanti del CLN si presentarono all’incontro -ha sottolineato- con vesti borghesi, piuttosto malmesse, ma con il fazzoletto tricolore al collo, a sottolineare che non è importante la divisa che si indossa, ma le idee che si portano. Ha, quindi, invitato tutti a tenere a mente che la costituzione italiana vieta il fascismo sotto ogni forma e l’importanza che può avere la scuola pubblica nella formazione dei giovani contro ogni idea di violenza e razzismo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A sottolineare, infine, come la strada per la Liberazione non fosse una “processione trionfale su una strada cosparsa di rose e gigli” è stato lo stesso Innamorati, che ne ha ricordato piuttosto la fatica e le contraddizioni anche all’interno della Resistenza. Una fatica che, come ha detto, è stata fatta con la consapevolezza di compiere il nostro dovere di patrioti e di italiani, anche per quei fratelli che avevano sbagliato la strada.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Umbria, il pitbull morde una persona in fila alla tabaccheria: la padrona fa finta di niente e se ne va, denunciata

Torna su
PerugiaToday è in caricamento