rotate-mobile
Attualità

INVIATO CITTADINO Carsulae. Non solo panem et circenses, ma un mondo di vita quotidiana tutto da scoprire… compresi gli assaggi

Una domenica speciale quella che si propone (2 ottobre) in due specialissime sessioni di cultura e dimensione esperienziale del mondo antico

Carsulae. Non solo panem et circenses, ma un mondo di vita quotidiana tutto da scoprire… compresi gli assaggi.

Una domenica speciale quella che si propone (2 ottobre) in due specialissime sessioni di cultura e dimensione esperienziale del mondo antico.

L’occasione (“Carsulae tra archeologia e rievocazione”) è quella offerta (con inizio alle ore 9:30) nella chiesa dei SS. Cosma e Damiano. Si tratta di un convegno, organizzato dall’Associazione culturale Ocriculum, cui parteciperanno Silvia Casciarri, direttrice dell’Area archeologica di Carsulae, Leonardo Latini, sindaco di Terni, e Agnese Nunzi, presidente dell’Associazione culturale Ocriculum. Insieme a studiosi e archeologi. Sono previste due sessioni.

Nella prima sessione (alle ore 10:00), moderata da Giacomo Antonelli, si parla del “II secolo nel mondo romano”. Interventi di Antonella Pansini (‘Forma e funzioni degli edifici per spettacolo in età imperiale’), Michele Porcaro (‘Panem et (non solo) circenses: intrattenimento e spettacoli nella Roma antonina’), Claudia Fanciullo (‘Cibi e sapori nella società romana: il caso del pane di 2000 anni fa’), Giovanni Romano (‘Il commercio su strada tra piccoli e grandi centri’), Giovanni Romano (‘Igiene e salute pubblica’).

Nella seconda sessione (a far capo dalle 11:30) il tema è “Il II secondo secolo a Carsulae”, moderata da Silvia Casciarri. Relazioni di Elena Roscini (‘Carsulae nel II secolo: istituzioni, culti, economia e società’), Valerio Chiaraluce (‘L’area sud-ovest del foro di Carsulae: la domus dei mosaici’), Massimiliano Gasperini e Luca Donnini (‘La piazza del foro di Carsulae alla luce delle nuove scoperte’), Cinzia Palombi (‘Note storiche sulla chiesa dei Santi Cosma e Damiano a Carsulae’).

L’intero evento sarà trasmesso in diretta streaming e in differita su Facebook.

Oltre alle relazioni, sono attive postazioni didattico-esperienziali, all’interno dell’area, per rievocare le atmosfere, i suoni, i sapori, le sensazioni di un municipio romano al tempo di Marco Aurelio Antonino. Possibile degustazione di cibi ‘romani’. Tenendo conto che i gusti, “mutatis mutandis” (ossia ingredienti e procedure) non sono di certo quelli del nostro tempo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Carsulae. Non solo panem et circenses, ma un mondo di vita quotidiana tutto da scoprire… compresi gli assaggi

PerugiaToday è in caricamento