Carlo Acutis, il profilo biografico per la beatificazione ad Assisi

Il profilo biografico di Carlo Acutis per la beatificazione ad Assisi il 10 ottobre

Il profilo biografico di Carlo Acutis per la beatificazione ad Assisi il 10 ottobre. 

 

Carlo Acutis, il giorno della beatificazione: la diretta da Assisi 

Carlo Acutis raccontato dalla madre Antonia, un ragazzo semplice con un cuore grande per i poveri

***

Il Venerabile Carlo Acutis, nacque a Londra (Gran Bretagna), il 3 maggio 1991, da genitori italiani: Andrea e Antonia Salzano, che si trovavano nella City per motivi di lavoro. Venne battezzato il 18 maggio nella chiesa di “Our Lady of Dolours” a Londra. Nel settembre 1991, la famiglia rientrò a Milano. All’età di quattro anni, i genitori lo iscrissero alla scuola materna. Venne iscritto alle scuole elementari presso l’Istituto Tommaseo delle Suore Marcelline, perché era più vicino alla sua abitazione. Il 16 giugno 1998, ricevette la prima Comunione, in anticipo rispetto all’età consueta, grazie a uno speciale permesso del direttore spirituale e dell’arcivescovo Pasquale Macchi. La celebrazione avvenne nel Monastero delle monache di clausura delle Romite dell’Ordine di Sant’Ambrogio ad Nemus a Bernaga di Perego (Lecco). Il Sacramento della Cresima, il 24 maggio 2003, gli venne amministrato nella chiesa di Santa Maria Segreta, da Monsignor Luigi Testore, già segretario del Cardinale Carlo Maria Martini e Parroco di San Marco in Milano.

A quattordici anni, passò al Liceo classico presso l’Istituto Leone XIII di Milano, diretto dai Padri Gesuiti, dove sviluppò pienamente la sua personalità. Con uno studente di ingegneria informatica iniziò a curare e a occuparsi del sito internet della parrocchia milanese di Santa Maria Segreta. Nonostante gli studi fossero particolarmente impegnativi, decise spontaneamente di dedicare parte del suo tempo anche alla preparazione dei bambini per la Cresima, insegnando il Catechismo nella Parrocchia di Santa Maria Segreta. Quello stesso anno progettò il nuovo sito internet per il volontariato dell’Istituto Leone XIII e promosse e coordinò la realizzazione degli spot sempre per il volontariato di molte classi nell’ambito di un concorso nazionale. Trascorse tutta l’estate del
2006 a ideare il sito per questo progetto. Organizzò anche il sito internet della Pontificia Accademia Cultorum Martyrum.

Per la sua affabilità e cordiale ilarità, Carlo era sempre al centro dell’attenzione dei suoi amici, anche perché li aiutava nell’uso del computer e dei suoi programmi. Molti gli attestati di riconoscimento delle sue doti informatiche e della sua completa disponibilità a metterle a disposizione dei suoi compagni di scuola e di chiunque ne avesse bisogno, compresi i familiari.

Una delle particolarità di Carlo era di amar trascorrere la maggior parte delle sue vacanze ad Assisi in una casa di famiglia. Qui oltre a divertirsi con gli amici, imparò a conoscere San Francesco. Da lui apprese il rispetto per il creato e la dedizione ai più poveri. Infatti, l’esempio del Serafico e di Sant’Antonio di Padova nel compiere gesti di carità nei confronti dei poveri furono per il Servo di Dio un invito a fare altrettanto. Si impegnò così in una gara di carità a favore dei bisognosi, dei senzatetto, degli extracomunitari, che aiutava anche con i soldi risparmiati dalla sua paghetta settimanale.

Il fulcro della spiritualità di Carlo era l’incontro quotidiano con il Signore nell’Eucaristia. Egli diceva spesso: “L’Eucaristia è la mia autostrada per il Cielo!”. È questa la sintesi della sua spiritualità e il centro di tutta la sua esistenza trascorsa nell’amicizia con Dio.

Dopo la prima Comunione, Carlo iniziò a partecipare alla Messa tutti i giorni con il permesso del suo direttore spirituale, don Ilio Carrai. A imitazione dei pastorelli di Fatima offriva dei piccoli sacrifici per coloro che non amano il Signore Gesù presente nell’Eucaristia. Quando, per gli impegni scolastici, non poteva andare alla Messa, faceva la Comunione spirituale. Compì così una preziosa opera di apostolato in mezzo ai compagni di scuola e agli amici, spiegando loro il mistero eucaristico con l’utilizzo dei racconti dei più importanti miracoli eucaristici accaduti nel corso dei secoli. Quale apostolo dell’Eucaristia, il Venerabile scelse di utilizzare il suo talento informatico per progettare e realizzare una mostra internazionale sui “Miracoli eucaristici”. Si tratta di un’ampia rassegna fotografica con descrizioni storiche, che presenta alcuni dei principali miracoli eucaristici (circa 136) verificatisi nel corso dei secoli in diversi Paesi del mondo e riconosciuti dalla Chiesa.

Vista la grande devozione che Carlo nutriva per la Madonna, recitava quotidianamente il Rosario. Si consacrò più volte a Maria per rinnovale il proprio affetto e per impetrare il suo sostegno. Progettò anche uno schema del Rosario che poi riprodusse con il suo computer. Dobbiamo riconoscere che nella vita spirituale del Servo di Dio furono sempre presenti i Novissimi. Questa sua forte consapevolezza della realtà della vita eterna fu causa di ostacoli da parte di alcuni suoi amici.

Nell’ottobre 2016 si ammalò di leucemia di tipo M3 considerata la forma più aggressiva, in un primo tempo scambiata per influenza. Venne ricoverato alla Clinica De Marchi di Milano, poi visto l’aggravarsi della situazione, fu trasferito all’ospedale San Gerardo di Monza, dove c’è un centro specializzato per il tipo di leucemia che lo aveva colpito. Pochi giorni prima del ricovero, offrì la sua vita al Signore per il Papa, per la Chiesa, per andare dritto in Paradiso.

In quell’ospedale, un sacerdote gli amministrò il Sacramento dell’Unzione degli infermi. Alcune tra le infermiere ed i medici che hanno seguito Carlo in quei momenti, lo ricordano con grande affetto ed edificazione. La morte cerebrale avvenne l’11 ottobre 2006, il suo cuore smise di battere alle ore 6:45 del 12 ottobre. La notizia della sua morte si diffuse subito grazie ai suoi compagni di classe. Riportata la salma a casa, fu un continuo afflusso di persone che andarono a dargli l’ultimo saluto. I funerali vennero celebrati nella chiesa di Santa Maria Segreta, il 14 ottobre 2006. La salma del Venerabile venne sepolta nella tomba di famiglia a Ternengo (Biella), poi nel febbraio 2007 i suoi resti mortali vennero traslati nel cimitero comunale di Assisi per soddisfare il suo desiderio di rimanere nella città di San Francesco.

Dalla morte, la sua fama di santità e di segni non ha fatto altro che aumentare in ogni Continente. Autentico testimone di Cristo in tutti gli ambienti in cui visse, la sua esistenza si staglia come un faro luminoso per i giovani di oggi. Egli è stato un esempio dei valori evangelici, un annunciatore di Cristo con la parola, ma soprattutto con la testimonianza di vita. Il Servo di Dio ha vissuto interamente proteso verso l’Assoluto, verso Gesù che sentiva vicino e presente. Nella sua breve vita ha interiorizzato i principi della fede e li ha resi evidenti nel suo agire. In particolare, egli è stato un testimone in ambito scolastico, cioè un modello per tanti alunni delle nostre scuole. Il messaggio che Carlo trasmette alle nuove generazioni che frequentano i corsi di studi è quanto mai essenziale: esiste una dimensione ultraterrena, c’è un’altra vita oltre quella attuale, dove incontreremo il nostro Salvatore, Colui che per amore ci ha redenti. Agli scoraggiati, ai delusi dalla vita, ai sofferenti, a chi è tribolato, solo e abbandonato, il Servo di Dio indica l’Eucaristia, l’Emmanuel, il Dio con noi. La presenza reale di Gesù Cristo nell’Ostia consacrata era per Carlo una verità fondata sulla roccia-
Era la garanzia che l’uomo non è mai lasciato solo, neppure quando tutto sembra crollargli addosso. Ai ragazzi e ai giovani contemporanei Carlo dice che l’Eucaristia è il rimedio infallibile per risolvere i problemi dell’umanità, perché nel Tabernacolo troviamo Cristo, Colui che per amore si è incarnato e ha sofferto pur di salvarci. Il Servo di Dio rimase sconvolto da tanto amore divino nei confronti dell’uomo e non si quietò fino a quando non fece conoscere anche ad altri l’estrema ricchezza di questo amore infinito. Le giornate di Carlo divennero perciò incentrate intorno alla Messa e, quando poteva sostava anche in adorazione eucaristica.

Proprio per questa sua capacità di condivisione con gli altri dei misteri della fede, Carlo può essere definito un vero apostolo in tutti gli ambienti in cui è vissuto, che sono quelli tipici di un adolescente: famiglia, scuola, sport, tempo libero, viaggi, giochi. Da laico, il Servo di Dio ha saputo ravvivare il fervore e la pratica cristiana anche in tanti consacrati e Sacerdoti. È stato un autentico testimone di quanto sia vera la parabola della vite e dei tralci.
Infatti, ha sempre cercato di rimanere attaccato alla linfa vitale del ceppo della vite, Cristo Signore, per portare frutti abbondanti in tutto quello che faceva e progettava.
Il 5 luglio 2018 Papa Francesco lo ha dichiarato Venerabile. Il 5-6 aprile 2019 i resti mortali di Carlo sono stati traslati nel Santuario della Spogliazione, chiesa di Santa Maria Maggiore, di Assisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In forma dopo i 40/50 anni, ecco la dieta giusta

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 25 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 novembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento