rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Attualità

INVIATO CITTADINO Caramelle e amaro nel nome di Pietro Perugino

Fitto programma di celebrazioni fra musica e golosità. Che la festa cominci

Un 2023, nel nome di Pietro Perugino, nel paese che ne conserva i resti umani. Fontignano. Caramelle e amaro nel nome di Pietro. Fitto programma di celebrazioni fra musica e golosità. Che la festa cominci.

Domani, sabato 4 marzo alle 18:00, al via le celebrazioni per il cinquecentenario dalla morte di Pietro Vannucci, sepolto nella chiesetta dell’Annunziata.

Com’è noto, il Divin Pittore si rifugiò nel paese per sfuggire all’epidemia di peste che sconvolse il territorio. Ma ne morì comunque e vi trovò frettolosa sepoltura (sul ritrovamento dei suoi resti avemmo a pubblicare un servizio qualche anno fa). Ne riparleremo a breve con apposita iniziativa. 

Come, dove e quando furono trovati i resti umani del pittore Pietro Vannucci, detto il Perugino

Musica e archeologia culinaria. Per l’occasione, la Pro Loco “Pietro Vannucci” di Fontignano taglierà il nastro con un concerto della Fanfara dei Carabinieri di Roma, diretta dal Maestro Danilo Di Silvestro.

Pani rinascimentali… come se piovesse. Ci sarà spazio anche per una iniziativa che incrocia la figura del Perugino con dei prototipi di archeologia culinaria. E con la presentazione di antiche ricette di pani del periodo rinascimentale. Se ne fa carico lo chef Giovanni Pedercini, storico e praticante di ricette d’antan.

Una caramella e un digestivo special edition. Proposte provenienti dalla locale Farmacia Le Fonti. Che celebra anch’essa un anniversario: 500 meno due zeri: ossia i cinque anni dall’apertura dell’attività. Che costituiscono comunque un traguardo. Per loro personalmente e per la comunità al cui servizio si mettono con dedizione.

L’invenzione di due specialità. Così le dottoresse Maria Antonietta Bucci e Simonetta Antognelli (foto) coi loro collaboratori hanno realizzato due prodotti esclusivi di sicuro successo: un amaro a base di assenzio, arancio dolce, menta piperita, genziana, cardamomo e china, gustoso da sorseggiare.

E poi quella caramella che non è solo buona, ma aiuta a digerire.

e la confezione ricorda Pietro Perugino. Caramelle racchiuse entro scatole da collezione, personalizzate per l’occasione con l’immagine del Divin Pittore e col logo dell’Associazione Turistica Pro Loco, in riferimento al cinquecentenario dalla morte.

Ma non finisce qui. Le celebrazioni si dipanano per tutto il 2023. Altre occasioni di commemorazione sono quelle del 15 aprile, 6 maggio, 3 giugno, 8 luglio, 21 luglio, 9 settembre, 23 settembre e 14 ottobre. Con sorprese che non mancheremo di comunicare ai lettori.

Insomma, un anno tutto dedicato a dar vita a iniziative, volte a celebrare una ricorrenza che esalta l’arte e l’identità territoriale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Caramelle e amaro nel nome di Pietro Perugino

PerugiaToday è in caricamento