rotate-mobile
Attualità

INVIATO CITTADINO Capodanno, tutto pronto per Amadeus. Che la musica cominci

Mattinata di preparativi, non frenetici, ma piuttosto tranquilli in attesa dell'evento

Tutto pronto per l’evento di Capodanno. Che lo spettacolo cominci. Mattinata di preparativi, non frenetici, ma piuttosto tranquilli. Montaggio terminato, è tempo di effettuare verifiche e controlli sullo stato dell’arte delle apparecchiature. Perché, si sa, l’elettronica è maligna (perché di elettronica, sul palco e sulle torri, sui megaschermi, sulle consolle… ce n’è tanta) e occorre tenere in tasca un piano B, la soluzione a un imprevisto che va, possibilmente… previsto.

Stamane, a far capo dalle 12:00, bonifiche, uscite calcolate, entrate inibite… con tutto quello che comporta. Qualche inevitabile mugugno, come quello di una residente tra via dei Priori e Maestà delle Volte che tenta inutilmente di passare.

Il commercio va a gonfie vele. Le camere d’albergo complete, anche a prezzi d’affezione, come i 400 euro di un albergo centralissimo e prestigioso. Dormire, come si dice, a peso d’oro.

Certi accessi, come si sa, sono verboten. E già circola voce che più di un commerciante mediti di chiedere i danni. Non è un caso che qualche negozio sia chiuso, dato che i clienti non sarebbero in grado di raggiungerlo. No problem, si risponde. Chi dichiara, e dimostra, di avere ricevuto un danno potrà essere rimborsato. Sempre che sia in grado di documentare, conti storici alla mano, a quanto ammonta la perdita subita.

Montati, ed efficienti, i due maxischermi. Il primo all’altezza dell’intersezione di corso Vannucci con via Mazzini. Il secondo in piazza Italia, in aderenza all’ingresso dell’hotel La Rosetta e in cima alle scalette di via Mario Grecchi.

Le dimensioni sono veramente ragguardevoli. Si parla di qualcosa come quasi una quindicina di metri quadri. E con risoluzione di buona qualità. Ce ne hanno spiegato la ratio tecnologica. Ma ne facciamo grazia al lettore. Anche per non incorrere in inevitabili imprecisioni.

Quanto al sonoro, si precisa che quelle bestie di casse sono le stesse utilizzate nei concerti all’aperto. Insomma: se non ben regolate, si rischia di sentirsi dolere i timpani. Ma l’entusiasmo, i balli, il baccano, la joie de vivre avranno la meglio su tutto. L’importante è che non si facciano sciocchezze e che, alla fine della festa, si torni a casa integri e soddisfatti. Potendo dire al mondo “Io c’ero”.

Insomma: tutto parte sotto i migliori auspici. Ai varchi la presenza di persone della Protezione civile e di una ditta di vigilanza (Fi.Fa.), la stessa (ci dicono) che si occupa della sicurezza al Festival di San Remo. La Polizia Municipale svolge regolare servizio controllando diverse zone cruciali per l'evento, come da piano di sicurezza e come accordo con il Questore: vigilanza su chiusure di Ztl di via Cacciatori e Largo Forte Braccio, i  presidi Piazza Italia, Via Calderini e Area Pncetto. Due pattuglie in servizio per il traffico cittadino. Una squadra di oltre venti agenti impegnati in prima linea. 

Nel sottopalco Carabinieri e, all’intorno, Polizia di Stato. Insomma: misure così ferree si vedono solo in visite di Capi di Stato. Ma Amadeus, almeno nella notte di Capodanno, val bene un Macron.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Capodanno, tutto pronto per Amadeus. Che la musica cominci

PerugiaToday è in caricamento