rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Attualità

Il Camep perugino festeggia, al Giò Jazz, i suoi primi quarant’anni

Successi, memorie e progetti… non solo bilanci

Il Camep perugino festeggia, al Giò Jazz, i suoi primi quarant’anni. Successi, memorie e progetti… non solo bilanci.

Una giornata all’insegna della condivisione di interessi e sentimenti. Si ripete infatti il fortunato brand “passione condivisa, gioiosa intesa” che presiede alle tante iniziative già svolte o che bollono in pentola. Degna chiusura di una giornata straordinaria. Piena soddisfazione per un club i cui soci ammontano (anno corrente) alla rispettabile cifra di 652. Un primato difficilmente uguagliabile per una città delle dimensioni della Vetusta. 

INVIATO CITTADINO Il Camep club perugino festeggia i suoi primi 40 anni di vita… ma non li dimostra

Al presidente Ugo Amodeo il compito di riassumere un quarantennio punteggiato da iniziative di successo. Lo fa con stile e forza comunicativa, valendosi di uno snello slide, ricchissimo di documenti e immagini. Persone, eventi, mezzi, occasioni vissute in spirito di matura socialità. Alcuni presidenti del passato vengono chiamati in causa a ricordare fatti, soci e circostanze. 

FOTO - Il Camep perugino festeggia, al Giò Jazz, i suoi primi quarant’anni


(foto Sandro Allegrini)

Poi un filmato di grande appeal che racconta, e dimostra, come la passione per i veicoli d’epoca sia trasversale alle età e alle generazioni. Giovani dell’Istituto d’Arte Bernardino di Betto, sfilate dei rioni, location strepitose. Il tutto con un accattivante sottofondo musicale.

Poi la consegna di premi, riconoscimenti, attestati. Svolta in forma dinamica e cordiale. A rappresentare la Provincia di Perugia la consigliera Erika Borghesi. Luca Merli per il Comune. Per il Museo della Perugina, Maria Cristina Mencaroni che ci ricorda come il centenario del Bacio non possa prescindere dalla commossa rievocazione della figura di Luisa, donna e imprenditrice, esponente di una peruginità laboriosa e creativa. E quindi Anna Maria De Poi, in nome e memoria del suo Francesco, che fu sempre parte attiva nell’organizzazione e nella massima disponibilità.

Prima della cena, uno spettacolo che propone – sempre in tema motoristico – le pagine dei migliori scrittori nella lingua del Grifo. Lo conduce il nostro Inviato Cittadino Sandro Allegrini che passa microfono e voce all’attore Leandro Corbucci.

Un’accoglienza affettuosa e un momento di convivialità che si trasforma in manifestazione di affetto e amicizia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Camep perugino festeggia, al Giò Jazz, i suoi primi quarant’anni

PerugiaToday è in caricamento