menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

No al bullismo, il Cavour-Marconi-Pascal di Olmo vince concorso nazionale

Il video prodotto è stato il più cliccato nel portale nazionale. Consegnato un assegno di 330 euro da spendere per materiale e sussidi didattici

Dire no al bullismo, il progetto della classe terza sezione T1 dell’Istituto di Istruzione Superiore Cavour-Marconi-Pascal di Perugia, sezione distaccata di Olmo, ha vinto il premio di un concorso nazionale per aver realizzato “il prodotto più cliccato” nella piattaforma dedicata “Adolescenze competenti”.

Il progetto, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, è stato realizzato in 26 città italiane, e intendeva promuovere la partecipazione attiva degli adolescenti alla vita della comunità, attraverso la promozione della cultura della legalità e della corresponsabilità.

A Perugia, gli studenti coinvolti nel progetto, hanno deciso di affrontare il tema del bullismo dopo aver analizzato e rilevato che la problematica era tra le più scottanti della realtà attuale.

Le referenti del corso, le docenti Amelia Sabatino (rappresentante istituto scolastico), Sonia Gavini, Cristina, Cazzetta, Daniela Cazzetta (rappresentanti AiCS) e Ornella Ciani (Cittadinanzattiva Umbria) in occasione della consegna del premio (ieri 11 gennaio, ndr) hanno espresso grande soddisfazione per i risultati raggiunti alla fine del percorso, durato 18 mesi: "Inizialmente i ragazzi sembrano poco interessati al progetto, apparivano scettici e anche timidi nell’esprimersi. Per diversi incontri si sono presentati con il cappuccio delle felpe in testa; era difficile vederli in volto e quasi impossibile interagire on loro. Poi piano piano si sono sciolti, hanno tolto il cappuccio delle felpe ed hanno cominciato a interagire. Hanno partecipato con entusiasmo agli incontri; hanno indossato più volte la maschera degli attori ed hanno recitato; hanno recitato scene di bullismo ed hanno individuato i reati sanzionati dal codice penale, che possono essere commessi quando si compiono atti di bullismo".

Il progetto ha previsto l'identificazione delle zone più pericolose della città e individuato quali comportamenti, l'individuazione dei comportamenti più corretti quando si è vittime di bullismo, quando si assiste a episodi di bullismo e cosa deve fare quando il bullo vuole redimersi.

Il prodotto realizzato e premiato dalla giuria popolare consiste in una presentazione in power point del bullismo, specificando, con delle slide musicate e d’effetto, cos’è il bullismo, le sue caratteristiche, chi sono i protagonisti del fenomeno, le conseguenze che procura, come contrastarlo, i consigli per tutelare coloro che toccati dal problema e a chi chiedere aiuto nella città di Perugia. Il lavoro è già disponibile sui social.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento