Ecco il super team di professionisti che aiuta i ragazzi: cassette anti bulli e incontri nelle scuole per dire no alla violenza

A scuola per imparare, non solo sui libri. Grazie alle tante iniziative contro il bullismo che questo bel team ha portato tra i banchi, fra migliaia di studenti

A scuola per imparare, sì. Ma anche per diventare futuri donne e uomini consapevoli, forse anche più rispettosi. Sono numeri importanti quelli portati "a casa" da un team di professionisti che per tutto l'anno scolastico ha contribuito alla crescita dei nostri giovani, portando fra i banchi incontri sulla legalità, sul bullismo e sul cyberbullismo.

Il team - composto dal responsabile di protezione personale, Roberto Carlotti, dal presidente dell'associazione Margot, Massimo Pici, dall'avvocato Roberto Florindi, dalla psicologa e psicoterapeuta Lucia Magionami, da Martino Rasponi e Angela Rossi - ha girato in lungo e in largo le scuole di Perugia e provincia con circa 22 incontri con ragazzi e insegnanti, raccogliendo testimonianze  e facendo anche lezioni dimostrative di protezione personale. 

Un contributo che ha permesso alle scuole superiori (Dall'Itis all'Ipsia fino al Liceo Casimiri di Gualdo Tadino) di poter coinvolgere i giovani allievi su temi di strettissima attualità come il bullismo o le insidie che possono nascondersi dietro un uso scorretto e spesso incosapevole della rete. 

Ma c'è di più perchè nel corso di questi incontri sono state consegnate ben sette "Bulli Box",  “cassette postali” un po’ speciali, dove ogni studente (anche protetto dall’anonimato), potrà fare segnalazioni, denunciare l’atto subito direttamente o quello patito da altri coetanei. A quel punto saranno in primis gli organi scolastici a valutare la gravità della situazione ed intervenire, decidendo – nei casi più gravi – di attivare anche l’autorità giudiziaria. Uno strumento importante per contrastare violenze, soprusi (nei casi,appunto, più gravi) e atti di bullismo. 

"E' stata una esperienza molto dura, abbiamo fatto molti sacrifici - spiega a Perugiatoday Roberto Carlotti, responsabile difesa personale - per raggiungere il maggior numero di ragazzi. Abbiamo raccolto tante testimonianze, dato suggerimenti, ma data la risposta dei giovani al contempo è stato per noi un incentivo per continuare ad investire tempo ed energie nel progetto e continuare a lottare contro questo triste fenomeno che è il bullismo". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Umbria, tragico schianto in moto: Francesco muore nell'incidente

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

  • Tragedia nel bosco, muore cacciatore: inutili i soccorsi

  • Paura sul raccordo Perugia-Bettolle, anziano a piedi nella galleria tra San Faustino e Madonna Alta

Torna su
PerugiaToday è in caricamento