Il blog di Franco Parlavecchio - Addio a "questa" Europa! Sull'emergenza e sulla solidarietà hai fallito...

franco parlavecchio-2Buonanotte Europa. Indipendentemente da quelle che saranno le decisioni finali, una cosa è certa, questa Europa ha fallito. Non solo perché è venuto meno il gesto forte ed immediato di solidarietà nei nostri confronti nel momento del bisogno, segno che ogni Stato guarda al proprio immediato tornaconto, ma soprattutto perché è mancata una strategia europea per combattere in modo univoco la pandemia, anche in termini di sperimentazione comune. Ognuno ha fatto le proprie scelte, ognuno ha messo delle barricate.
  
L’informazione su questo non ha aiutato. A leggere gli articoli sembra che ci abbiano dato una mano solo la Cina (non dimentichiamo dove è nato il virus…), la Russia e Cuba. Guarda caso proprio Paesi dove la democrazia è più che un’utopia. Come a darci la zappa sui piedi o forse a ribadire che in certi momenti forse non è un problema se i diritti fondamentali possono essere sospesi, anche in forma autoritaristica. Dimenticando o ricordando distrattamente che già gli Stati Uniti avevano attrezzato da noi un ospedale da campo a Cremona o degli stessi tedeschi che hanno preso in cura una sessantina di italiani nei loro ospedali. A proposito dei tedeschi, sono loro prepotenti e cattivi o noi troppo faciloni?
  
Non possiamo prendercela se i loro sussidi causa pandemia sono stati erogati in poche ore, senza blocchi di sistema, con contributi di circa cinque mila euro a professionista. Ben diversi dai nostri miseri 600 euro .Rimproverarli è come arrabbiarsi con un familiare perché ha risparmiato ed investito con oculatezza quando noi abbiamo preferito buttare soldi in slot machines e droghe. Loro sono pigliatutto ma la colpa è tutta nostra. Colpa anche di tutti quei commissari italiani in Europa che hanno sempre svolto il ruolo di controfigure senza mai avere il coraggio di sbattere i pugni sul tavolo, ovviamente in accordo con i vari governi che si sono succeduti che attendevano in ginocchio qualche briciola.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E poi non possiamo lamentarci della mancata solidarietà da parte dell'Europa quando anche le Regioni tra loro non sono riuscite ad avere una guida comune, anche di collaborazione. Ormai è una certezza, questa non è l’Europa che avevamo immaginato, e probabilmente chi la criticava non aveva torto. Ora non abbiamo bisogno del colpo di teatro come quello di togliere la bandiera europea dalle sedi istituzionali. Il tema vero non è uscire dall’Europa ma entrare in un’altra Europa, l’Europa dei popoli, dei diritti, dei doveri, in una tavola rotonda, tutti con la stessa dignità, gli Stati Uniti d’Europa, se ancora è possibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • Linea Verde Life fa tappa a Perugia ed elogia l’Antica Latteria di via Baglioni (le immagini)

  • Giovani coppie, single e famiglie con un solo genitore, dalla Regione quasi 4 milioni per l'acquisto della prima casa

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • INVIATO CITTADINO Perugia, città (ab)usata senza ritegno… nell’indifferenza generale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento