Attualità

Nell'anno della pandemia da Coronavirus l'Università di Perugia segna un +39% nelle immatricolazioni: prima in Italia

Tra gli investimenti coraggiosi in fatto di diritto allo studio c'è l'innalzamento della no-tax area fino a 30 mila euro per andare incontro alle esigenze delle famiglie in difficoltà

Nell'anno della pandemia e delle lezioni al pc, l'Università di Perugia registra un +39% di immatricolati ed è l'ateneo con l’incremento maggiore in Italia. Il rettore Maurizio Oliviero: "La nostra innovazione sono i giovani. Investimenti, ammodernamento e internazionalizzazione i punti di forza dell’ateneo".

Quello che poteva rivelarsi un anno difficilissimo per le università italiane a causa del Covid-19 si è trasformato, contrariamente alle aspettative, in uno straordinario boom: l'Umbria, secondo l’Osservatorio, con un +39%, la regione che ha registrato il maggiore incremento delle immatricolazioni rispetto ai dati dell’anno precedente, davanti a Liguria (+25%) e Sicilia (+13 per cento). L’Università degli Studi di Perugia, in particolare, è l’Ateneo che ha ottenuto, in Italia, l’aumento percentuale maggiore del numero dei suoi immatricolati. Seguono, nell’analisi, Camerino e Foggia (+32%), Genova (+25%), Novedrate e-Campus e Messina (+22%). 

"Credo che i risultati positivi ottenuti dall’Università degli Studi di Perugia possano essere spiegati da almeno quattro fattori – ha commentato il professor Maurizio Oliviero, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Perugia, il cui intervento è stato riportato integralmente nel rapporto a illustrazione dei dati – Il primo riguarda l'investimento coraggioso che il nostro Ateneo ha fatto sul diritto allo studio, innalzando la no-tax area fino a 30 mila euro per andare incontro alle esigenze delle famiglie in difficoltà, che hanno potuto così continuare ad assicurare l’esperienza universitaria alle loro figlie e ai loro figli". 

In secondo luogo "è emersa la capacità di ammodernamento del nostro Ateneo che, a inizio lockdown, in una settimana, grazie al personale tecnico-amministrativo e al corpo docente, ha spostato online tutta l’attività didattica - ha proseguito Oliviero - Terzo fattore è l’internazionalizzazione: in un momento di ‘chiusura’ e distanziamenti, abbiamo promosso corsi internazionali a doppio titolo.  Il quarto elemento, ma certamente non in ordine di importanza, è costituito dai giovani, ai quali tradizionalmente in Italia siamo restii ad affidare ruoli di responsabilità".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nell'anno della pandemia da Coronavirus l'Università di Perugia segna un +39% nelle immatricolazioni: prima in Italia

PerugiaToday è in caricamento