Attualità

INVIATO CITTADINO Perugia sul podio delle città più pulite d’Italia per l'associazione Retake

Non una classifica ufficiale, ma il punto di vista dell’Associazione nazionale Retake, attiva nelle maggiori città italiane

Perugia sul podio delle città più pulite d’Italia. Non una classifica ufficiale, ma il punto di vista dell’Associazione nazionale Retake, attiva nelle maggiori città italiane. ‘Retake’ sta per riprendere/riconquistare. Cosa? Rispetto, pulizia, amor proprio, dignità.

Un’Associazione romana il cui scopo s’ispira al motto 'I care'. Coinvolge persone di tutte le età, accomunate dall’amore per l’ordine, la pulizia, il rispetto dell’ambiente, a fini estetici e salutistici. Opera nelle scuole, nelle aziende, nelle comunità urbane come cittadinanza attiva, a titolo libero e gratuito.

Ieri si sono visti numerosi operatori ecologici volontari di Retake sparsi per la città, con le loro divise blu con scritta bianca e logo bianco su sfondo rosso. Da piazza Italia a piazza Grande e poi per vicoli e stradine fin giù all’Acquedotto.

Dicono: “Veniamo da Roma. Abbiamo trovato in Perugia una città straordinariamente pulita e curata. Niente a che vedere con lo sporco e il caos della capitale”. Poi fanno una puntatina politica sulla quale… è opportuno sorvolare.

Girano con le loro pinze telescopiche, atte a raccogliere cicche e siringhe. Ma di cicche appena l’ombra. Si stupiscono che nell’acropoli ci siano tanti raccoglitori di rifiuti. Commentano. “Sono pure belli”.

Dicono, buttandola sul comico, o almeno sull’autoironia: “Se lo avessimo saputo, avremmo portato un po’ d’immondezza da Roma. Se ne trova a vagonate per le strade e le piazze della Città Eterna. Eterna nella monnezza, sfruguliata da ratti e cinghiali”.

Scherzi a parte, sottolineano come la situazione, nella patria d’Euliste (che due di loro ben conoscono) risponda al parametro “tutto lindo e tirato a lucido”.

Prova a obiettare un amico artista: “Ma qui siamo nell’acropoli che hanno pulito appena stamattina!”. Risposta: “Dovreste vedere altrove in quali condizioni si tiene il centro”.

Parole che suonano come musica celestiale alle orecchie dell’Inviato Cittadino.

Poi – dalla chiacchiera nasce la confidenza del ‘tu’– si scopre che fanno parte del gruppo due gentili signore, nate fra i travertini della Vetusta: una si chiama Monica Montefameglio e dice: “Fonderò a breve, nella nostra città, una sezione di “Retake Perugia”.

La seconda è una ragazza perugina che vive a Padova e risponde al nome di Silvia Manni. Anche lei non può che congratularsi con chi si prende cura della Turrita.

Insomma: una volta tanto, non mugugni (in cui noi perugini siamo campioni del mondo), ma compiacimento. In fondo: spesso ci lamentiamo senza motivo. O meglio: il perugino sta zitto quando va tutto bene. Si lamenta, e parecchio, quando qualcosa non va proprio per il verso giusto. Che volete farci? Siamo fatti così. Ma a sentire chi dice che Perugia è bella e pulita, confessiamolo, “ce dà gusto”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Perugia sul podio delle città più pulite d’Italia per l'associazione Retake

PerugiaToday è in caricamento