rotate-mobile
Attualità

Era sotto controllo medico perchè positivo al Covid; ritrovato ad Assisi in vacanza. Accusato di pandemia

Nei guai un 66enne di Brescia che ha deciso di violare i tempi imposti dalle autorità sanitarie pur di non perdere la vacanza prenotata

Gli agenti della Polizia del Commissariato di Assisi, a seguito di una segnalazione pervenuta sul sistema “alert alloggiati”, hanno fermato e denunciato un uomo – classe 1956 – per aver violato la quarantena obbligatoria. L’allarme è scattato quando il 66enne, residente nella provincia di Brescia, è arrivato in un hotel di Assisi. Dal database in dotazione alle Forze dell’Ordine risultava, infatti, in isolamento domiciliare obbligatorio perché positivo al Covid-19, con divieto di allontanarsi dalla propria abitazione.

Gli agenti, quindi, si sono portati alla struttura alberghiera apprendendo dal personale che l’uomo si era recato in una farmacia per effettuare un tampone. I dipendenti hanno poi informato gli agenti che l’uomo, essendo risultato negativo al test, li aveva informati che sarebbe andato personalmente in Commissariato per comunicare l’esito.

Sentito dagli operatori in merito ai motivi del suo comportamento, il 66enne si è giustificato dichiarando di aver effettuato un tampone rapido a casa ed essendo risultato negativo aveva deciso di allontanarsi dalla propria abitazione per recarsi nella struttura alberghiera ad Assisi, nonostante il test di verifica fosse prenotato per qualche giorno dopo.

Gli operatori l’hanno informato sulle disposizioni attualmente vigenti in materia di prevenzione della diffusione del contagio da Covid-19. E' stato comunque accusato il reato di epidemia, invitandolo a fare immediato ritorno a casa sua  fino al termine del periodo di isolamento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Era sotto controllo medico perchè positivo al Covid; ritrovato ad Assisi in vacanza. Accusato di pandemia

PerugiaToday è in caricamento