Le piante officinali come strumento per l'arredo urbano e la riqualificazione delle aree verdi

Il progetto "Futuro nel verde" è rivolto a soggetti disoccupati, inoccupati e con fragilità economiche e sociali

Le piante officinali della tradizione umbra come arredo urbano, oltre che come coltivazioni di base. È con questo obiettivo che si è svolto il quinto dei sei corsi inseriti nel progetto "Futuro nel verde", percorso che ha portato alla riqualificazione delle aiuole e aree verdi intorno al Centro accoglienza immigrati di via del Favarone a Perugia.

L'assessore comunale alle politiche sociali Edi Cicchi, accompagnata dal consigliere comunale con delega al verde Federico Lupattelli, hanno fatto visita alla struttura e si sono intrattenuti con Beatrice Marucci e Carla Schiaffelli, agronome progettiste e coordinatrici del progetto, e Bernardetta Gasperi, presidente della cooperativa sociale Perusia onlus capofila di Futuro nel verde.

Il progetto, realizzato con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, è stato creato in sinergia da un partenariato di eccellenza di cui fanno parte anche Fondazione per l’istruzione Agraria, Centro di ateneo per i musei scientifici e Federazione italiana produttori piante officinali.

Sono state 15 le persone che hanno partecipato al corso gratuito, rivolto a soggetti disoccupati, inoccupati e con fragilità economiche e sociali, che ha previsto 128 ore di formazione pratica e specializzata, finalizzata all’inserimento lavorativo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tre le aiuole interessate dall’intervento, tutte caratterizzate da andamento curvilineo e forma circolare, attorno alle camere, alla cucina e all’ingresso della struttura di proprietà del Comune di Perugia che ospita beneficiari del progetto Sprar Siproimi. Per la messa a dimora sono state scelte piante rustiche, profumate che arredano, ma allo stesso tempo che richiedono bassa manutenzione e danno massima resa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 15 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Flash | Ordinanza regionale della Tesei: alternanza lezioni a distanza e da casa per studenti delle Superiori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento