menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Angolo del Dónca - Detti perugini sul catechismo e la preghiera: quando si andava alla "dutrina"

Un tempo la preghiera si imparava alle lezioni di “dutrina” (“dottrina”), equivalente all’attuale catechismo. Non c’erano catechisti, ma il parroco in persona

Angolo del Dónca. Detti perugini sul catechismo e la preghiera. Quando si andava alla “dutrina”. Un tempo la preghiera si imparava alle lezioni di “dutrina” (“dottrina”), equivalente all’attuale catechismo. Non c’erano catechisti, ma il parroco in persona procedeva a impartire direttamente lezioni e definizioni da imparare a memoria. “Si nun sè la dutrina, nun pòl fè la cumunione”, era lo slogan. Ma poi impartivano i sacramenti della cresima e della comunione anche ai più svogliati.

Si studiava sul libretto, corredato da immagini accattivanti. Anche se quel Dio, inserito in un triangolo, incuteva addirittura timore, come una specie di Zeus dotato di fulmine. Tanto che circolava il detto “Che Ddio te fulmne!”.

A qualcuno che la sapeva lunga, si diceva (con apprezzamento, ma anche con disprezzo) “Quillo la sa ben la dutrina”.

Conoscere alla perfezione un problema in tutti i suoi aspetti si dice “Sapélla come l Aemmaria/l Padrenostro”.

Per scacciare qualcuno da un posto abusivamente occupato, lo si apostrofa col detto: “L sè l Padrenostro? È da gi via da stó posto. La sè l’Aemmaria? De stó posto è da gi via!”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giro d'Italia 2021, tre tappe in Provincia di Perugia: "Disagi alla viabilità ripagati dalla visibilità offerta al nostro territorio"

Attualità

Coronavirus, Vaccine Day in Umbria: 5.387 dosi somministrate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento