menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti abbandonati, la Società igiene ambientale rafforza i controlli e crea due nuove figure di raccordo con l'utenza

Due figure per interfacciarsi con l’utenza: “Gestione dei reclami e dei controlli sul territorio” e “Gestione consegna dei cassonetti”

Rifiuti abbandonati, la Società igiene ambientale lancia una campagna di controllo, di sensibilizzazione e una serie di servizi mirati a raccogliere i bisogni dell’utenza per contrastare l’abbandono dei rifiuti dopo che le limitazioni di alcuni servizi causate dal Covid hanno accentuato alcuni comportamenti non corretti nella raccolta differenziata e nel conferimento dei rifiuti.

Nelle prossime settimane, e sempre compatibilmente con l’evoluzione dell’emergenza sanitaria, Sia intensificherà una attività di sensibilizzazione dell’utenza alle corrette pratiche di differenziazione  e di controllo delle modalità di conferimento dei rifiuti. Lo farà attraverso il lavoro della guardia ecologica il cui compito è, oltre alla vigilanza ambientale su tutto il territorio, proprio quello di verificare presso le singole utenze la correttezza della raccolta differenziata. Un’attività che è di natura informativa e preventiva prima ancora che repressiva.

A questo si aggiunge il lavoro di due figure che andranno a ricoprire due nuovi ruoli appositamente introdotti proprio per interfacciarsi con l’utenza, si tratta della “Gestione dei reclami e dei controlli sul territorio” e della “Gestione consegna dei cassonetti”.

L’obiettivo, istituendo formalmente tali ruoli, è quello di dare a tutta l’utenza un punto di riferimento certo, capace di rispondere in modo puntuale alle richieste che arrivano e garantire una ottimale gestione dei singoli bisogni, in termini di servizi attivabili e di gestione dei contenitori per la raccolta. Quindi Sia invita tutti gli utenti a contattare l’azienda telefonicamente, via mail o tramite il servizio di whatsapp, per segnalare eventuali problematiche e permettere di intervenire per risolverle (tutti i contatti sono disponibili sul sito www.siaambiente.it).

Purtroppo, tra gli effetti che la pandemia sta determinando sul territorio ci sono sicuramente anche una serie di disagi che i cittadini sono costretti a vivere a causa delle limitazioni ad alcuni servizi legati alla raccolta e gestione dei rifiuti. Uno di questi disagi, che da ultimo proprio nelle scorse settimane si è presentato, è la chiusura dei Centri di raccolta. Una decisione presa a livello regionale dall’Auri, l’Autorità umbra per i rifiuti e l’idrico, che ha, quindi, riguardato anche SIA e i tre Centri che gestisce, a Deruta, Marsciano e Olmeto. Proprio questa chiusura, realizzata in coerenza con le limitazioni imposte agli spostamenti dalle misure anti Covid, è tra le principali cause di alcuni problemi riscontrati in poche e circoscritte aree del territorio servito dall’azienda, con l’abbandono di alcune tipologie di rifiuti lungo le strade o a ridosso di cassonetti di prossimità laddove presenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento