Sabato, 13 Luglio 2024
Attualità

Amanda Knox dichiara il suo amore per l'Italia e la sua innocenza

La statunitense torna a parlare dopo la condanna della Corte d'appello di Firenze per calunnia

Amanda Knox è tornata in Italia per presenziare all’appello del processo in cui è imputata di calunnia nei confronti di Patrick Lumumba (accusato falsamente di aver preso parte all’omicidio di Meredith Kercher). Accusa che la Corte d’appello di Firenze ha confermato con una condanna 3 anni (già scontati).

Amanda Knox ha approfittato per incontrare il suo storico difensore, l’avvocato Luciano Ghirga, e l’ex cappellano del carcere di Perugia, don Saulo Scarabattoli. Con il marito, i figli e la madre, ha visitato alcune città italiane, tra cui Roma, ospiti di alcune trasmissioni televisive, nel corso delle quali ha rimarcato la sua innocenza e la volontà di proseguire la sua battaglia per il riconoscimento della sua ingiusta detenzione. I suoi avvocati hanno, d’altronde, annunciato che ricorreranno in Cassazione contro la sentenza della Corte d’appello di Firenze: in questo caso di tratterà della quattordicesima volta davanti a un giudice italiano per Amanda Knox.

Ospite di Bruno Vespa Amanda Knox ha ribadito che sia lei sia Raffaele Sollecito, all’epoca suo fidanzato, furono “torturati” dagli investigatori e che lei accusò Lumumba perché stremata dall’interrogatorio, ma che non voleva farlo, ritenendo entrambi “vittime delle stesse persone e degli stessi fatti”. Il processo d’appello si è reso necessario dopo una sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo che ha sancito la violazione dei diritti di Amanda Knox da parte dell’Italia.

Amanda Knox ha raccontato tutto anche sui suoi social, scrivendo: “Ho tutta la vita da vivere, ho tutto il mio amore da dare … Ancore nel cuore tu, Italia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amanda Knox dichiara il suo amore per l'Italia e la sua innocenza
PerugiaToday è in caricamento