rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Attualità Mugnano

Mugnano apre la tre giorni di festeggiamenti per il 50esimo della Pro loco con la presenza del sindaco Romizi e una grande mostra interattiva

Mugnano apre la tre giorni di festeggiamenti per il 50.mo con la presenza del sindaco Romizi e una grande mostra interattiva.

La sede della Società Operaia di Mutuo Soccorso stipata all’inverosimile per celebrare i 50 anni dalla fondazione della Pro Loco, anima socio-culturale di una comunità fortemente coesa.

Dopo la proiezione e l’ascolto dello straordinario Inno a Mugnano, eseguito dalla Società Filarmonica “Caduti per la Patria”, il saluto di Franco Chiatti che introduce la presidente Chiara Brilli. La quale passa la parola al nostro Inviato Cittadino per presentare il sindaco di Perugia Andrea Romizi, da sempre vicino alla comunità mugnanese. Poche parole per esprimere apprezzamento nei confronti di quanto caratterizza mezzo secolo di storia: a far capo dai muri dipinti che punteggiano i vicoli del Borgo, fino alle qualificate iniziative di carattere artistico, culturale, associativo, enogastronomico.

Porta il saluto dell’Unpli il presidente Francesco Fiorelli, amico ed estimatore di Mugnano e della sua gente.

Segue la presentazione della pubblicazione “La tradizione di un paese. La passione della sua Gente”, curata da Vadim Chiatti, zeppa di storia e storie, nomi ed eventi, per tramandare memoria di tutto quanto è stato fatto e di quanti hanno ideato e realizzato iniziative.

Quindi Allegrini ha chiamato sul palco Rita Castigli che, dal 2013, cura la sezione artistica dei murales. A lei e a Mario Boccacci, pittore designato alla realizzazione del murale del cinquantesimo, l’onere di accennare alle idee che presiedono alla realizzazione del bozzetto e dell’opera conseguente. Hanno cercato di dire… senza svelare troppo.

Sono poi stati chiamati i Soci fondatori della Pro Loco, nelle persone dell’ex sindaco di Perugia Mario Valentini e di Ilvano Arcioni cui è spettato il compito di raccontare le non facili condizioni in cui si lavorò per realizzare un sogno “ch’era follia sperar”.

Toccante la visione del filmato che ha proposto un ricordo di Ferruccio Carpanoni, primo presidente della Pro Loco.

Quindi un piccolo talk, moderato da Allegrini, aperto con un saluto (dalla platea) di Maria Giovanna Galli e con la lettura di un messaggio di Michela Scarchini. La conversazione, efficace e stringata, ha visto succedersi interventi di Walter Tinarelli, Renato Vernata, Sergio Bigi, Vadim Chiatti, Goffredo Arcioni, Giulio Vernata. A chiudere, il saluto appassionato di Chiara Brilli che sta per concludere il proprio impegnativo settennato. E dice: “Sono entrata poco più che ragazzina. Mi ritrovo adulta e mamma. Sono stati anni di impegno e… qualche arrabbiatura. Ma posso assicurarvi che ci si diverte anche. E parecchio”.

Infine, Franco Chiatti annuncia le iniziative che proseguono nella giornata odierna e fino a domani. Col coinvolgimento del gruppo teatrale La Fratente e tanti altri spunti di progetti e di memoria.

Non una cerimonia celebrativa, ma un invito ai giovani ad essere protagonisti degli eventi che si dipaneranno negli anni a venire.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mugnano apre la tre giorni di festeggiamenti per il 50esimo della Pro loco con la presenza del sindaco Romizi e una grande mostra interattiva

PerugiaToday è in caricamento