rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Alto Tevere Today Città di Castello

Armandino, l‘airone cenerino diventa la mascotte del Canoa Club e del Tevere

Nicola Landi: “In alcuni momenti della giornata, quando tutto intorno è tranquillo viene per pescare cibo”

Il Canoa Club Città di Castello ha trovato una nuova mascotte nelle eleganti sembianze di un airone cenerino, affettuosamente chiamato “Armandino”. Il nome è stato scelto questa mattina dagli alunni di alcune scuole primarie della città al termine di una passeggiata ecologica lungo le sponde del Tevere. Questa iniziativa, organizzata dal Canoa Club Città di Castello si è svolta il giorno successivo alla “Giornata Mondiale dell’Ambiente”, evento globale promosso dalle Nazioni Unite per sensibilizzare e incoraggiare azioni a favore della protezione dell’ambiente.

L’iniziativa ha visto una numerosa partecipazione, un momento di riflessione sulle problematiche ambientali e un’occasione per mobilitare risorse collettive a favore di un futuro sostenibile. Da quasi un anno Armandino è diventato un fedele compagno presso la piccola cascatella sul Tevere allietando i duri allenamenti delle giovani promesse del Canoa Club Città di Castello. Si tratta di uno splendido ed elegante esemplare, tipico delle risaie del Piemonte e della Lombardia, una presenza rara nelle regioni centrali che ha trovato nel Tevere il suo habitat ideale.

“In alcuni momenti della giornata, quando tutto intorno è tranquillo viene per pescare cibo. Credo sia arrivato lo scorso anno a inizio estate. Si è stanziato sul tratto che dallo sbarramento risale a monte per circa 3 chilometri. Da tempo alternativamente questi esemplari passano tutta l’estate da noi” ha raccontato Nicola Landi, presidente del Canoa Club, promotore assieme al consiglio e allo staff tecnico del club dell’evento dedicato all’ambiente.

La mattinata è stata arricchita dalla presenza di Paolo Fabbriciani, responsabile del Servizio Supporto Operativo Distretto Gubbio Città di Castello, Arpa Umbria, che ha tenuto una lezione sull’importanza dell’acqua pulita e non inquinata, spiegando i controlli che l’Arpa Umbria effettua nel Tevere e nel Trasimeno. Al termine della mattinata, gli alunni delle classi 5A e 5B di San Filippo e della 5 di Rignaldello, assieme alle loro insegnanti, hanno avuto l’onore di “battezzare” ufficialmente l’airone Armandino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Armandino, l‘airone cenerino diventa la mascotte del Canoa Club e del Tevere

PerugiaToday è in caricamento