Martedì, 16 Luglio 2024
Alto Tevere Today

Umbertide, approvato il bilancio di previsione

Botta e risposta fra opposizioni unite e Lega

Il Consiglio comunale di Umbertide ha approvato con i voti favorevoli della maggioranza (Lega e LiberaIlFuturo) e i voti contrari dell'opposizione (Partito Democratico, Umbertide Cambia e Movimento 5 Stelle) il bilancio di previsione 2022-2024.

L'impatto economico che la pandemia ha avuto sul bilancio nel corso degli ultimi due anni è stato rilevante e anche nel 2022 si prevede la necessità di valutare con grande attenzione gli effetti che l'emergenza Covid-19 continuerà ad avere sulle entrate e sulle uscite del Comune. Altro aspetto riguarda i forti rincari che l'ente dovrà affrontare negli approvvigionamenti e nei costi delle utenze di energia elettrica e gas.

Per quanto riguarda le entrate, non sono previsti aumenti per tutte le aliquote e le tariffe di Imposta Municipale Unica (IMU) e Tassa sui Rifiuti (TARI). Per l'Irpef, in seguito alla riforma degli scaglioni e delle aliquote a livello centrale il Comune di Umbertide ha riallineato la propria addizionale, adottando l'impostazione della normativa nazionale e riducendo quindi dell'1 per mille la seconda, la terza e la quarta fascia e sopprimendo la quinta. Resta confermata la soglia di esenzione comunale a 13mila euro.

Inoltre non sono previsti aumenti per le tariffe dei servizi a domanda individuale.

Nel capitolo riguardante la spesa, l’Amministrazione Comunale prevede il mantenimento degli attuali livelli di servizio destinati alle persone, alle famiglie e alle attività.

Grande attenzione viene data alla rigenerazione urbana, alla costruzione di nuove scuole, al rifacimento delle strade e della tutela dei beni pubblici.

Infatti all'interno del Piano triennale delle opere pubbliche (approvato con i voti favorevoli di Lega e LiberaIlFuturo e con l'astensione di Partito Democratico, Umbertide Cambia e Movimento 5 Stelle) sono inseriti oltre 12 milioni di euro di interventi ottenuti da bandi e da fondi del Piano Nazionale di Resilienza e Ripresa (PNRR) che andranno a interessare l'interno territorio comunale.

Per il Project Financing pubblico e privato che andrà a rivoluzionare l'intera rete di illuminazione pubblica nel Comune sono previsti 1,48 milioni di euro provenienti da capitali privati.

Ammonta a 1,5 milioni di euro l'importo per il rifacimento della viabilità in piazza Mazzini e per la riqualificazione di tutta l'area circostante.

Dal punto di vista naturalistico 1,4 milioni di euro serviranno per la costruzione di una passerella ciclopedonale sul fiume Tevere nei pressi della località di Mola Casanova e 700mila euro per la realizzazione di un percorso ciclopedonale sulla sponda destra del Tevere per il collegamento all'Abbazia di Montecorona.

Inoltre, 250mila euro sono stati stanziati per la manutenzione delle strade del territorio.

Passando alla valorizzazione dei luoghi della cultura e di aggregazione sociale 900mila euro sono destinati alla ristrutturazione del Centro socio-culturale San Francesco e 480mila per il miglioramento sismico del Museo di Santa Croce.

Anche quest'anno una attenzione particolare viene data ai luoghi dell'educazione e dell'istruzione. Sono previsti 2 milioni e 245mila euro per la costruzione del nuovo asilo nido comunale che andrà a sorgere vicino alla scuola dell'infanzia “Marcella Monini” e la ristrutturazione della scuola primaria “Anna Frank” di Verna, lavori per cui sono stanziati 1,2 milioni di euro.

L'Amministrazione sta portando avanti altri cinque interventi già finanziati tutti con contributi, per un totale di 1.913.000 euro che riguardano: manutenzione cavalcavia di via Madonna del Moro (800mila euro), adeguamento sismico della scuola dell'infanzia di Calzolaro (540mila euro), adeguamento sismico della scuola dell'infanzia di Montecastelli (330mila euro), efficientamento energetico della scuola primaria “Giuseppe Garibaldi” (123.797 euro), manutenzione della strada comunale del Sasseto (120mila euro).

Affermano il sindaco Luca Carizia e l'assessore al Bilancio, Pier Giacomo Tosti: “Anche nel 2022 il quadro in cui dobbiamo operare risulta essere complesso e in continua evoluzione. E' un contesto che richiede sobrietà e responsabilità nelle scelte. Tenendo conto di questa necessità. Lo schema di bilancio approvato non prevede aumenti di nessun tipo per i cittadini, il mantenimento di tutti i servizi e del loro livello. Grande attenzione e rilevanza la riveste la parte relativa alla cura del patrimonio pubblico e del territorio. Confermeremo l'impostazione utilizzata negli ultimi due anni e quindi una gestione e un monitoraggio continuo del bilancio”.

'Un bilancio scarno, senza prospettive: questo il giudizio delle opposizioni sul documento proposto dalla giunta leghista''. Secondo Partito Democratico, Umbertide cambia, Movimento 5 Stelle “il Bilancio di previsione 2022-24 conferma la massima pressione fiscale ed è senza prospettiva: rimangono i problemi strutturali, pur a fronte degli enormi trasferimenti statali. Lo stesso DUP non fa scelte operative su ambiente, sanità e politiche di incentivazione economica”.

''Come prima, più di prima – aggiungono - il bilancio di previsione 2022-24 è la radiografia di questa consiliatura leghista: un bilancio scarno senza prospettive. Così come è iniziato, finisce: la pressione fiscale massima inaugurata con il primo bilancio è rimasta inalterata. Massima addizionale Irpef, massima Imu, Tari invariata. Con lo stesso strutturale problema: i residui attivi, cioè i crediti vantati dal Comune, ammontano alla cifra “monstre” di 7 milioni e 368mila euro. Del resto, la Giunta si è rifiutata di mettere mano alla riforma dell’accertamento e riscossione, anzi ha peggiorato la situazione perché ha ridotto il personale nell’ufficio tributi, che pur opera con competenza ed efficienza sopra le proprie forze''.

''E tutto questo a fronte di un flusso ingente di denaro mai visto proveniente dai trasferimenti dello Stato, che aggrava proprio le responsabilità della Giunta Carizia. Si tratta di una somma che per il 2020 e il 2021 è pari a 5.814.00 euro! Del resto, è lo stesso DUP (Documento unico di programmazione), vero programma operativo della Giunta, che fa acqua da tutte le parti. Nessun programma per la sanità e l’assistenza territoriale; le politiche ambientali sono inesistenti tanto che Mola Casanova è ancora chiusa e le comunità energetiche da fonti alternative sono state completamente ignorate, proprio ora che per la transazione ecologica del Pnrr sarebbe ed è una risorsa inestimabile; nessun incentivo e azione per turismo e attività economiche. Senza dire che la situazione delle società partecipate è al collasso: Multiservices, pur se sostenuta, è così senza futuro e con enormi difficoltà finanziarie, mentre Prosperius chiude il bilancio per due anni di seguito con il segno negativo (e non è certo questione di maggioranza pubblica o privata) e ancora una Farmacia comunale non produce reddito. Per quanto riguarda il Piano triennale delle opere pubbliche gli enormi finanziamenti venuti dal Pnrr sono stati legati a progetti inutili come l’ennesima passarella sul Tevere. Di rigenerazione urbana e di recupero dell’edificato davvero c’è niente''.

'' In sintesi – concludono Giampaolo Conti, M5S; Gianni Codovini, Umbertide cambia; Matteo Ventanni, Pd; Filippo Corbucci, Pd - quello che preoccupa di più è il blocco della Giunta e del sindaco Carizia, poiché in concreto questo bilancio previsionale è l‘ultimo di questa Amministrazione, che terminerà nel 2023. Purtroppo, gli umbertidesi dovranno subire ancora un anno di inattività''.

“Nessun aumento delle tariffe, 12 milioni di euro per il territorio e mantenimento di tutti i servizi e della loro qualità. Il nostro sì al bilancio di previsione 2022-2024 è stato convinto e di sostegno totale al lavoro che attende il sindaco e tutta la giunta comunale in questo periodo”. Ad affermarlo sono il segretario della Lega
Umbertide Daniele Tempobuono e il capogruppo in Consiglio Ettore Spatoloni.
“Quello dato in Consiglio comunale è un voto favorevole a un bilancio serio e di grande responsabilità per la nostra città e per tutto il territorio comunale – proseguono i leghisti – Dispiace vedere che anche in questa occasione dall'opposizione si siano alzate le solite sterili polemiche, gli oramai consolidati slogan da campagna elettorale che hanno stufato sia gli addetti ai lavori e soprattutto i cittadini che da quasi quattro anni a questa parte devono sopportare ogni giorno le menzogne dell'opposizione che sono sempre state smentite dai fatti”.Dicono Tempobuono e Spatoloni: “Partiamo dalla realtà storica che stiamo vivendo: è il terzo bilancio costruito nel bel mezzo di una pandemia planetaria, alla quale si è aggiunto il timore per la guerra in Ucraina. Tutte situazioni che per l'opposizione non esistono. Non è vero che l'Irpef è al massimo, anzi è stata diminuita e non ci saranno aumenti di nessun tipo su niente.
“Quello che sappiamo – continuano segretario e capogruppo - è che questa Amministrazione ha lavorato e sta lavorando nella direzione giusta, mantenendo in ordine i conti del nostro bilancio mettendo sul piatto ben
12 milioni di euro per Umbertide e per le sue frazioni”.
Questi 12 milioni di euro – dicono ancora Tempobuono e Spatoloni - all'opposizione non vanno proprio giù. Li hanno proprio toccati nel profondo e non riescono a capacitarsi come mai siano arrivati tutti questi fondi al Comune di Umbertide, mentre quando c'erano loro al governo della città pensavano solo a interventi di facciata.“All'alleanza Pd e Umbertide Cambia – concludono - che vuole a tutti i costi mettere in subbuglio il bilancio comunale solo per far commissariare di nuovo il nostro Comune, proponiamo una seria ed
efficiente attenzione al territorio come sta facendo la nostra Amministrazione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Umbertide, approvato il bilancio di previsione
PerugiaToday è in caricamento