rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Alto Tevere Today Città di Castello

Città di Castello, dal primo gennaio 2023 i rifiuti in Alta Umbria saranno gestiti per 15 anni da Sogeco

Ecco la nuova società costituita da Sogepu ed Ece (ex Ecocave): ieri le firme sui contratti di servizio

Dal primo gennaio 2023 la gestione integrata dei rifiuti urbani in Alta Umbria sarà affidata per 15 anni a Sogeco, la società costituita dal raggruppamento temporaneo di impresa formato da Sogepu ed Ecocave (ora Ece) per la partecipazione alla gara di appalto da circa 315 milioni di euro finalizzata all'affidamento in concessione del servizio pubblico locale di settore nel Sub Ambito n. 1 dell’Auri.

Con la firma dei contratti di servizio apposta ieri davanti al notaio Francesco Ansidei dal direttore dell’Auri Giuseppe Rossi, in rappresentanza del presidente Antonino Ruggiano, dall’amministratore unico di Sogeco e di Ece Antonio Granieri, dall’amministratore unico di Sogepu Cristian Goracci, presente insieme al direttore Ennio Spazzoli, e dai funzionari delegati dai 14 comuni del comprensorio coinvolti (Citerna, Città di Castello, Costacciaro, Fossato di Vico, Gualdo Tadino, Gubbio, Lisciano Niccone, Monte Santa Maria Tiberina, Montone, Pietralunga, San Giustino, Scheggia e Pascelupo, Sigillo e Umbertide), si è conclusa la procedura pubblica che nell’ultima fase è stata gestita da Auri, dopo essere stata promossa nel 2015 dall’Ati 1 Alta Umbria.

L’iter amministrativo è stato caratterizzato da sette ricorsi alle autorità giudiziarie competenti, all’esito dei quali è sempre stata ribadita la correttezza della procedura di gara gestita dall’Auri, anche da parte dell’Anac, che ha archiviato tutti gli esposti presentati.

Il servizio pubblico di raccolta, spazzamento, trattamento e smaltimento dei rifiuti sarà gestito dai due soci di Sogeco secondo una ripartizione delle attività conforme a quanto offerto nella procedura di gara: Sogepu opererà nei comuni di Città di Castello (compresa la gestione della discarica e dell’impianto di trattamento di Belladanza), Citerna, Gualdo Tadino, Monte Santa Maria Tiberina, Montone, Pietralunga e San Giustino (per una quota complessiva pari al 62,5 per cento dell’appalto), mentre Ece lavorerà nei comuni di Costacciaro, Fossato di Vico, Gubbio, Lisciano Niccone, Scheggia e Pascelupo, Sigillo e Umbertide (per una quota complessiva dell’appalto pari al 37,5 per cento).


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città di Castello, dal primo gennaio 2023 i rifiuti in Alta Umbria saranno gestiti per 15 anni da Sogeco

PerugiaToday è in caricamento