rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Alto Tevere Today Città di Castello

Città di Castello, si chiude domani all’insegna di numeri record la Mostra Internazionale di Arte Presepiale

Visita dell’assessore regionale al turismo e cultura, Paola Agabiti

Si conclude all’insegna di numeri record di espositori, oltre 50 con più di 250 opere in vetrina e di visitatori la XXI° edizione della Mostra Internazionale di Arte Presepiale, in corso di svolgimento dall’inizio di dicembre scorso in una location unica, la cripta della basilica cattedrale, 500metri quadrati di storia plurisecolare che custodiscono i corpi dei patroni Florido e Amanzio, insieme alle reliquie di san Crescenziano (III sec.). Un flusso di visitatori e turisti ininterrotto ha caratterizzato la rassegna, ideata e voluta dal compianto, Gualtiero Angelini, a cui il comitato organizzatore presieduto dal cavalier, Lucio Ciarabelli, ha intitolato l’associazione Amici del Presepio di Città di Castello. Dal nord al sud d’Italia e poi dall’estero, dall’America, Europa fino al Sud Africa, come si può leggere dal registro delle firme, in tanti come mai accaduto anche nelle migliori edizioni, hanno visitato la mostra, una delle prime in Italia per numero di espositori, presepi e scuole artistiche-artigianali rappresentate. A sugellare l’edizione della ripartenza, questa mattina, la visita dell’assessore regionale alla Cultura e Turismo, Paola Agabiti, accompagnata dall’assessore al Turismo e Commercio, Letizia Guerri, unitamente a Lucio Ciarabelli presidente dell’”Associazione Amici del Presepio “Gualtiero Angelini”. “La crescita della nostra regione in termini di immagine a livello nazionale ed internazionale con un trend più che positivo di presenze e flussi turistici, dipende anche da manifestazioni come questa di Città di Castello, una vetrina di assoluto livello qualitativo delle scuole presepistiche italiane compresa quella umbra di grande tradizione. Città di Castello – ha concluso l’assessore Regionale Agabiti – con le sue eccellenze artistiche e culturali, da Raffaello a Burri, e tutte le altre peculiarità in tanti settori, rientra a pieno titolo nel “brand” Umbria che la regione sta promuovendo in maniera unitaria a livello internazionale”. “La finalità e l'obiettivo di questa prestigiosa manifestazione – come è stato sottolineato dall’assessore Guerri e dal Presidente, Ciarabelli - è quello da una parte di proporre quanto di bello e nuovo ci sia di opere presepistiche in Italia e all’estero e poi dall’altra di valorizzare l'artigianato e le peculiarità artistiche nella nostra regione e promuovere l'Alta Valle del Tevere incentivando la presenza di turisti e visitatori. I numeri e le presenze davvero significative registrate nel corso della XXIesima edizione ci spingono ad andare avanti su questi versanti coinvolgendo sempre di più come è stato fatto in maniera egregia tutta la città”. “Rivolgiamo un sentito ringraziamento al Vescovo, Monsignor Luciano Paolucci Bedini, al parroco Don Alberto Gildoni oltre che a tutta Diocesi – hanno concluso - che per anni ci hanno supportati, per aver concesso la disponibilità di una sede così affascinante e prestigiosa come la Basilica Inferiore della Cattedrale di Città di Castello. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città di Castello, si chiude domani all’insegna di numeri record la Mostra Internazionale di Arte Presepiale

PerugiaToday è in caricamento