Sabato, 13 Luglio 2024
Alto Tevere Today Città di Castello

Città di Castello, legalità contro bullismo e baby gang : a lezione dai carabinieri

Alla Bufalini il luogotenente Fabrizio Capalti si è confrontato con gli alunni

Bullismo, baby gang, cyberbullismo, droga, violenza sulle donne e sui minori, educazione stradale, diritto alla difesa. Sono questi alcuni dei temi affrontati durante l'incontro che il comandante della locale Stazione, luogotenente Fabrizio Capalti, ha avuto con alcuni studenti del centro di formazione professionale ''Bufalini''.

Durante la lezione, avvenuta nella ''Sala della Lana'', il comandante ha affrontato gli argomenti più attuali, come risse e lesioni con le conseguenti responsabilità penali ed amministrative a carico dei minorenni, ma anche in merito ai reati inerenti il variegato mondo degli stupefacenti.

All. 2 al comunicato del 30mar22-2Sono stati ovviamente trattati anche fenomeni più tradizionali quali bullismo, cyberbullismo ed utilizzo consapevole dei social network. Soprattutto in relazione all’uso della rete; numerosi sono stati i suggerimenti dell’oratore al fine di evitare di incorrere in situazioni spiacevoli, che possono portare anche a gravi conseguenze.

Non sono mancate le domande da parte dei ragazzi, anche in relazione ai compiti istituzionali svolti dall’Arma, alle motivazioni che spingono i carabinieri a tale professione, ma anche all’iter che un giovane deve seguire per arruolarsi. L’incontro si è concluso positivamente con l’apprezzamento degli studenti e dei docenti dell’Istituto per il lavoro svolto quotidianamente dall’Arma

Da anni, infatti, i carabinieri, tra le vare attività svolte quotidianamente, persegue fini di alto valore istituzionale, quali la diffusione della “cultura della legalità” presso le scuole. I reparti territoriali dell’Arma infatti, svolgono costantemente incontri con ragazzi delle scuole primarie e secondarie, affrontando temi di attualità e vicini al mondo dei ragazzi.

In particolare ora dove anche in Altotevere sono stati segnalati diversi casi, con delle baby gang che scorrazzavano nei treni e nelle stazioni di Città di Castello e Umbertide, i cui membri, tutti minori, sono stati segnalati proprio dai militati ai magistrati del tribunale dei minori di Perugia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città di Castello, legalità contro bullismo e baby gang : a lezione dai carabinieri
PerugiaToday è in caricamento