Sabato, 13 Luglio 2024
Alto Tevere Today

Città di Castello, fuga d'amore per due minorenni per andare ad incontrare i loro fidanzatini

Le quindicenni si erano innamorate di due ragazzi che vivono a Frascati e li avevano raggiunti senza dire nulla ai genitori

E’ durata 48 la fuga d’amore di due minorenni tifernati nel Lazio. Avevano conosciuto due ragazzi di Frascati attraverso i social network, con i quali pensavano di poter trascorrere un week end lontano da casa e dai genitori: un viaggio di quasi 300 chilometri per andare a parlare 'dal vivo' con quei ragazzi di cui si erano innamorate.

Invece sono state rintracciate dalla Polizia, dopo la chiamata preoccupata dei genitori.

Era circa mezzanotte, quando la madre di una delle ragazze ha chiamato spaventata al numero di emergenza, segnalando la scomparsa della figlia e di un’amica. La donna ha spiegato agli operatori che le due giovani erano uscite insieme la mattina per andare a fare un giro al centro commerciale. La richiedente ha poi raccontato che, verso le 19, è stata avvisata dalla figlia che la madre dell’amica sarebbe andata a riprenderle e che avrebbe passato la notte da loro.

Solo dopo qualche ora, quando le due mamme si sono sentite, hanno scoperto che le rispettive figlie (compagne di classe da diversi anni e amiche da sempre) avevano mentito. Allarmate, le donne hanno immediatamente chiamato le figlie al cellulare apprendendo che si erano perse e che si trovavano alla Stazione F.S. Santa Maria Novella di Firenze insieme a un ragazzo, che ha cercato di rassicurare i genitori dando loro il suo numero di telefono e dicendogli che avrebbe provveduto lui a trovare un alloggio alle figlie.

Le madri, non convinte da quel giovane sconosciuto, hanno provato a richiamare le figlie per andare a riprenderle constatando, però, che i cellulari di entrambe erano spenti e che quello del ragazzo squillava senza risposta.

Impaurite che potesse essergli successo qualcosa, le due donne hanno chiesto aiuto agli agenti del Commissariato che, valutata la situazione, hanno immediatamente attivato la geolocalizzazione dei telefoni delle figlie – risultati spenti - e dello sconosciuto.

Dopo aver localizzato il telefono di quest'ultimo, gli operatori hanno subito avvisato il Commissariato di Frascati che, a sua volta, ha provveduto a inviare immediatamente una volante sul posto indicato dal positioning, senza però riuscirle ad individuare.

A quel punto, l’operatore della Sala Operativa del Commissariato di Città di Castello, non datosi per vinto, è risalito all’intestatario dell’utenza telefonica del giovane sconosciuto – risultata essere la madre del ragazzo - e al numero di telefono di quest’ultima. Dopo averla contattata e aver appreso dalla stessa il luogo dove si trovava il figlio e le ragazze, i poliziotti di Città di Castello hanno avvisato i colleghi di Frascati che hanno subito inviato una volante sul posto, trovando, all’interno del B&B segnalato, le due giovani in compagnia di altri due ragazzi.

I poliziotti, a quel punto, dopo aver identificato i presenti, hanno accompagnato le due ragazze presso il Commissariato in attesa dell’arrivo dei genitori che, dopo qualche ora, passato lo spavento, sono andati a riprenderle ringraziando gli agenti per il grande aiuto.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città di Castello, fuga d'amore per due minorenni per andare ad incontrare i loro fidanzatini
PerugiaToday è in caricamento