rotate-mobile
Alto Tevere Today Città di Castello

Città di Castello, alla piscina comunale 15 giovani con autismo potranno partecipare ai corsi di nuoto insieme a tutti i coetanei

Inedito progetto finalizzato all’integrazione sociale promosso da Comune e Polisport

Nessuna barriera, né fisica, né sociale, né geografica, alla piscina comunale di Città di Castello, dove da lunedì 3 ottobre 15 bambini e ragazzi con autismo della provincia di Arezzo andranno a lezione di nuoto insieme a tutti i coetanei. Nessun ostacolo per i protagonisti del progetto, che potranno fare sport e socializzare con gli altri utenti dell’impianto, condividendo gli stessi spazi e le stesse attività. Prenderà così avvio un inedito percorso di integrazione sociale, che il Comune, per iniziativa del sindaco e degli assessorati allo Sport e alle Politiche Sociali, attuerà con Polisport e con l’Asd TMA Toscana di Arezzo, che ha trovato a Città di Castello le risposte agli obiettivi di sviluppo delle attività riabilitative in acqua che altrove non erano possibili. In turni da tre utenti ogni 45 minuti, i giovani con autismo protagonisti dell’esperienza parteciperanno alle lezioni in programma tutti i lunedì dalle ore 14.00 alle ore 19.30 con gli operatori dell’associazione. A partire dalle ore 16.30, nella fascia oraria in cui sono previsti i corsi della scuola di nuoto Polisport, condivideranno le corsie della piscina con i coetanei di Città di Castello e della vallata iscritti ai corsi e parteciperanno alle stesse attività in acqua proposte dagli istruttori della società. Un’opportunità di integrazione sociale sempre ricercata nella piscina comunale di Città di Castello, dove gli utenti con disabilità da anni hanno la possibilità di partecipare ai corsi di nuoto con i coetanei normodotati. Insieme all’amministratore delegato di Polisport, sindaco e assessorati allo Sport e alle Politiche Sociali sottolineano che questo progetto testimoni come la piscina comunale di Città di Castello sia punto di riferimento non solo per un territorio molto vasto, che comprende oltre all’Altotevere umbro e alla Valtiberina toscana anche aree e comunità limitrofe, ma anche per esigenze molto differenziate. Nel complicato contesto di crisi energetica attuale, che comporta spese quasi triplicate nell’impianto per elettricità e gas metano, la piscina comunale tifernate continua a dare risposte a tutte le fasce di utenza, senza togliere spazi a nessuno, ma anzi ampliandone la disponibilità. Il tutto confermando le agevolazioni e le esenzioni da sempre garantite alla generalità dei tifernati, in particolare a studenti, cittadini con particolari patologie e anziani, nonostante il recente ritocco del piano tariffario per la stagione 2022-2023 che si è reso necessario per le mutate condizioni economiche di esercizio dell’impianto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città di Castello, alla piscina comunale 15 giovani con autismo potranno partecipare ai corsi di nuoto insieme a tutti i coetanei

PerugiaToday è in caricamento