rotate-mobile
Alto Tevere Today Città di Castello

A Città di Castello cadono le barriere comunicative per le necessità della vita quotidiana

Con il progetto “I love shopping” chiunque abbia problemi di linguaggio potrà entrare nelle attività commerciali in tutta autonomia grazie alla comunicazione aumentativa alternativa

Con il progetto “I love shopping” a Città di Castello non ci saranno più barriere per le necessità della vita quotidiana, come fare la spesa, comprare medicinali, tagliare i capelli, mangiare al ristorante. Chiunque abbia difficoltà linguistiche, in primis le persone con disabilità cognitiva, comunicativa e relazionale ai quali si rivolge l’iniziativa, ma anche bambini, anziani e persino stranieri, potrà concludere acquisti di beni di consumo e utilizzare servizi senza alcun problema, componendo semplicemente una frase su una stringa adesiva con i simboli della Comunicazione Aumentativa Alternativa (C.A.A.) scelti su un quaderno in dotazione ai commercianti.

Presentazione I love shopping 5-2

Al primo nucleo di 26 attività del centro storico e dell’immediata periferia della città che ha aderito al progetto, tra cui 13 esercizi di varie tipologie e prodotti, 8 tra ristoranti, bar e pizzerie al taglio, 3 parrucchieri e 2 farmacie riconoscibili attraverso un’apposita vetrofania, i clienti saranno guidati da un QR Code che visualizzerà una mappa digitale consultabile con lo smartphone. Una rivoluzione firmata dai Servizi Sociali del Comune, in collaborazione con il Servizio Integrato per l’Età Evolutiva dell’Usl Umbria 1 (S.I.E.E.), la Cooperativa sociale “La Rondine” e con l’adesione del Consorzio Pro Centro.

Presentazione I love shopping 4-2

“I love shopping” è stato sviluppato nell’ambito dell’intervento denominato “La Città su misura”, azione prevista del progetto “Ti illustro la città con la Comunicazione Aumentativa Alternativa” e finanziata dal programma Agenda Urbana, che ha già prodotto l’esperienza unica in Italia della guida per la collezione delle opere di Alberto Burri agli ex Seccatoi del Tabacco scritta con i simboli della C.A.A. da dieci persone con disabilità. Dopo aver affrontato a partire dal 2020 le fasi della formazione e della sperimentazione con la psicologa Linda Betti e la logopedista Letizia Govagnini, esperte del Servizio Integrato per l’Età Evolutiva (S.I.E.E.) dell’Usl Umbria 1 guidato dalla responsabile Paola Antonelli, le prime 26 attività partecipanti all’iniziativa offrono già da tempo alla propria clientela la possibilità di utilizzare la comunicazione aumentativa alternativa.

Presentazione I love shopping 3-2

I primi a beneficiarne sono i 12 giovani protagonisti del progetto, di età compresa tra i 13 e i 25 anni, con difficoltà cognitive, relazionali e del linguaggio, che attraverso la responsabile della cooperativa La Rondine Silvia Alunni e la referente Francesca Forni sono stati seguiti in particolare dagli educatori Mattia Renzini, Alessandra Valori e Riccardo Fontana. “E’ il caso di dire che dalla pandemia è uscita una città nuova e più accogliente, che dopo le barriere architettoniche ha iniziato ad abbattere anche le barriere comunicative e culturali che si frappongono ancora alla piena cittadinanza delle persone con disabilità nella società moderna”, sottolineano il sindaco e l’assessorato alle Politiche Sociali a commento della presentazione del progetto “I love shopping” che si è svolta ieri sera al Nuovo Cinema Castello alla presenza di tutti i promotori e i partecipanti, delle famiglie dei giovani e dei commercianti.

Presentazione I love shopping-2

“L’auspicio è che la partecipazione dei commercianti, degli artigiani e dei pubblici esercizi, che ringraziamo per l’importante adesione già assicurata al progetto, si allarghi sempre di più nel centro storico, nei quartieri e nelle frazioni per fondare davvero la comunità su misura delle persone con disabilità in cui crediamo e per fare di Città di Castello una città a zero barriere per chiunque viva o soggiorni nel nostro territorio”, continuano gli amministratori, condividendo l’aspettativa con la dirigente dei Servizi Sociali Giuliana Zerbato e con la referente comunale del progetto Brunella Bologni, responsabile dell’Ufficio Minori Disabili dell’ente. “Incontrare amici, condividere il tempo insieme, muoversi nella propria città, poter scegliere dove andare e se comprare qualcosa, sperimentare una comunicazione efficace che soddisfi i propri bisogni e i propri desideri, sono tutti aspetti che rendono ciascun individuo protagonista della propria vita, migliorandone la qualità”, ha evidenziato Bologni, che ha illustrato il progetto spiegando come “la fascia di età dei giovani selezionati sia stata scelta considerando la fase della vita nella quale ci si deve affermare, in cui ci si stacca dalla famiglia, si cercano i propri spazi e nella quale superare le barriere comunicative consente di essere protagonisti della propria esistenza”.

WhatsApp Image 2022-09-06 at 11.42.01-2

“Il pregio più importante del progetto è di aver permesso a questi giovani di poter sperimentare sul campo quanto appreso nei percorsi di terapia, sviluppando una socialità, una relazione con i propri coetanei e con il prossimo che se manca ostacola l’acquisizione della necessaria autonomia”, hanno sottolineato le rappresentanti del S.I.E.E. Antonelli, Betti e Giovagnini. “La civiltà di una comunità non si misura solamente attraverso i servizi e le possibilità che garantisce ai suoi cittadini, ma soprattutto con la capacità di accogliere, di cui Città di Castello è ricca, come dimostra il successo di esperienze del genere, che fanno inclusione vera grazie al protagonismo delle istituzioni pubbliche e del privato sociale, ma soprattutto al contributo dei negozianti della nostra città, che si sono messi in gioco nella sfida di superare le difficili barriere del linguaggio verbale”, ha dichiarato il presidente della cooperativa La Rondine Luciano Veschi. A portare la voce dei commercianti è stata Elena Radici, del Consorzio Pro Centro, che ha testimoniato “la soddisfazione di poter essere ancora più inclusivi nel ruolo di servizio che svolgiamo per la comunità, aiutando le persone con disabilità a essere autonome e permettendo di rivolgersi a noi senza problemi anche alla clientela che, per altre ragioni, incontra difficoltà comunicative”.

WhatsApp Image 2022-09-06 at 11.16.13-2

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Città di Castello cadono le barriere comunicative per le necessità della vita quotidiana

PerugiaToday è in caricamento