rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Alto Tevere Today Città di Castello

Città di Castello, dopo due anni di stop torna con tante novità e pezzi unici, la Mostra di Arte Presepiale

L' edizione 2022 aprirà i battenti il 3 dicembre 2022 nella sede tradizionale della Cripta del Duomo

Nei giorni scorsi si è tenuta l’assemblea dell’Associazione Amici del presepio “Gualtiero Angelini” di Città di Castello.

“In apertura – si legge in una nota - il presidente Cav Lucio Ciarabelli ha rivolto un pensiero a chi purtroppo in questi due lunghi anni di pandemia ci ha lasciato, il socio Giulio Mariucci, il prezioso collaboratore Antonello Gragnoli ed il marito della segretaria dell’associazione Mauro Menghi,  ai quali tutti noi dobbiamo riconoscenza e gratitudine. Certamente questi due anni sono stati duri per tutti, in primo luogo per la salute e poi ovviamente per tutte le attività che inevitabilmente sono state sospese. Ora che abbiamo, anche se non del tutto, sconfitto questo maledetto virus, ci sono le condizioni per riprendere i nostri appuntamenti, primo fra tutti l’allestimento della XXI edizione della mostra di arte presepiale. Certo è che negli ultimi cinque anni di edizioni abbiamo avuto un susseguirsi di risultati eccezionali che sono culminati con l’edizione del ventennale superando tutti i record sia in ordine di presenza numerica di espositori, di qualità, di presenze eccellenti e di numeri che speriamo di poter migliorare ancora''.

''Per questo ci siamo adoperati al meglio per garantire la presenza alla prossima edizione di quanto di meglio ci possano offrire le numerose associazioni e privati che abbiamo contattato e vi possiamo assicurare che ci saranno bellissime novità e opere mai viste a Città di Castello - hanno aggiunto - Questa possibilità di poter progettare con largo anticipo prestataci sia dall’Amministrazione Comunale che dai   responsabili del clero per quanto riguarda l’utilizzo della Cripta del Duomo, ci pone in posizione di vantaggio nella scelta delle opere e ci permette di poter programmare questa complessa macchina organizzativa. Non è facile portare nella nostra Città 180 / 200 opere, che ribadiamo, non sono mai le stesse già esposte, proprio per offrire al visitatore tutte le forme e tecniche di alto pregio nel campo dell’arte presepiale.

“Possiamo anticiparne due – prosegue la nota -  il ritorno dell’associazione “Fabio Carbonari” di Cascia con un presepe monumentale tipico Umbro, l’Associazione amici del presepe di Monte Porzio Catone, che in omaggio alla nostra città ha ambientato la natività nelle nostre piazze e campagne, di circa 25 mq con al suo interno effetti spettacolari, poi abbiamo già in “tasca” altre opere che faranno stupire molto. Insomma stiamo già distribuendo gli spazi della nostra meravigliosa Cripta del Duomo sperando di poter accontentare le numerosissime richieste di presenza''.

A breve ci sarà anche  un incontro con il nuovo vescovo di Città di Castello  Mons  Luciano Paolucci Bedini e il Sindaco  Luca Secondi,  ai quali presenteranno tutte le iniziative passate e quelle dell'edizione che aprirà i battenti sabato 3 dicembre 2022 , anche se ''già sappiamo che sosterranno con entusiasmo le nostre proposte, per garantire una continuità di offerta per una ampia riflessione sul presepe e di portare nella nostra città il maggior numero di visitatori possibile''.

“L’occasione dell’assemblea – conclude la nota - ci ha permesso anche di ringraziare l’ex sindaco Luciano Bacchetta e l’oramai ex Vescovo Domenico Cancian  per il supporto che incondizionatamente ci hanno offerto negli anni passati , riconoscendo e sostenendo la bontà delle nostre iniziative”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città di Castello, dopo due anni di stop torna con tante novità e pezzi unici, la Mostra di Arte Presepiale

PerugiaToday è in caricamento