Sabato, 13 Luglio 2024
Alto Tevere Today Città di Castello

Città di Castello, rimodulazione degli orari alle primarie: le iscrizioni tengono

Per il dirigente Casucci non ci sono state variazioni nelle classi che subiranno la modifica di orario

Non ci sono stati diminuzioni o genitori che hanno fatto iscrivere i figli in una sezione diversa. Lo spaccato - anche se – ovviamente – una analisi precisa e dettagliata potrà essere fatta solamente dopo le eventuali ed opportune verifiche da parte dell'ufficio scolastico regionale, che le terminerà a metà mese - arriva dal dirigente scolastico, dottor Simone Casucci, che ha fatto un primo e parziale bilancio dell'andamento delle iscrizioni.

Le scuole di Città di Castello seguono la media nazionale, ovvero tendono a calare, per via della minore natalità in Italia.

Colpisce, invece, il fatto che nelle classi al centro della rimodulazione di orario, ovvero quelle nelle scuole di Latina e Ringaldello, non c'è stata nessuna variazione: al momento i genitori hanno accettato il cambio di orari.

Anzi, secondo Casucci, le iscrizioni sono in linea con quelle degli anni passati

Lo stesso dirigente lo aveva annunciato durante la commissione, nella quale aveva specificato che ''le iscrizioni all’anno scolastico 2023-2024 hanno testimoniato il gradimento delle famiglie per la nuova disciplina oraria''.

La vicenda della rimodulazione era nata a metà ottobre scorso quando un gruppo di genitori aveva lanciato l'allarme di una nuova definizione degli orari delle lezioni ai bambini che frequentano o che frequenteranno la primaria. A metà gennaio c'è stato l'ok definitivo del Consiglio di Circolo che ha votato per il nuovo orario: non più 6 giorni di lezione settimanali al mattino dal lunedì al sabato, dalle 8.10 alle 12.40 e due rientri pomeridiani facoltativi per le attività di ampliamento dell’offerta formativa dalle 14.10 alle 16.10, un servizio mensa facoltativo a disposizione tutti i giorni, dal lunedì al venerdì dalle 12.40 alle 14.10, ma un orario settimanale strutturato su 5 giorni, dal lunedì al venerdì, con orario dalle 8 alle 13 , due rientri pomeridiani obbligatori dalle 14.10 alle 16.10, senza servizio mensa facoltativo, se non per i giorni del rientro, e chiusura della scuola il sabato. Decisione che ha visto la contrarietà dei genitori, che hanno scritto alle forze politiche. Nell'ultimo consiglio comunale è stato votato all'unanimità l’ordine del giorno sulle azioni per la tutela del servizio del tempo scuola modulare nelle scuole primarie di Città di Castello.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città di Castello, rimodulazione degli orari alle primarie: le iscrizioni tengono
PerugiaToday è in caricamento