Domenica, 21 Luglio 2024
Alto Tevere Today Città di Castello

Città di Castello, contro l'aumento del caro-vita: il comune scende in campo per aiutare imprese e cittadini

Variazione al bilancio: anticipate risorse per scuola, opere pubbliche, abbattimento della Tari, cultura e digitalizzazione degli archivi edilizi

Il comune risponde al ''caro vita'', anticipando delle risorse economiche per la scuola, per le opere pubbliche e con l'abbattimento della Tari.

A fare il punto è stato l'assessore al bilancio, Mauro Mariangeli, durante l'ultima seduta del Consiglio comunale.

“L’amministrazione ha risposto alla crisi internazionale che si sta ripercuotendo sui costi energetici e sulla disponibilità di materie prime e beni mobili, anticipando di un mese l’erogazione delle risorse previste con gli equilibri di bilancio di fine luglio per garantire l’attuazione nei tempi previsti di alcuni di importanti interventi programmati”. E’ quanto ha sostenuto in aula l’amministratore, prima del voto per la variazione al bilancio di previsione 2022-2024, approvata a maggioranza.

Mariangeli, spiegando che l’intervento permetterà di “aprire a settembre il nuovo asilo nido comunale nel quartiere Casella, garantendo con circa 50 mila euro la fornitura di arredi e di tutte le dotazioni necessarie”; di “abbattere ulteriormente i costi della Tari per tutti i cittadini con circa 277 mila euro”; di “consentire con 50 mila euro la riattivazione del Cva di Trestina a beneficio delle iniziative ricreative rivolte alla comunità residente, un obbligo morale dopo che la struttura è stata fondamentale punto di riferimento per la campagna di vaccinazione contro il Covid-19”; di “garantire con 150 mila euro l’esecuzione dei 5 progetti di rigenerazione urbana finanziati con il Pnrr (ring perimetrale mura urbiche, pavimentazione di piazza del Marchese Paolo; ristrutturazione del loggiato Gildoni, pavimentazione di piazza San Giovanni in Campo e riqualificazione del mercato coperto) a fronte dei rincari che stanno interessando l’edilizia”; di “sostenere la programmazione di Estate in Città con ulteriori 10 mila euro”; di “avviare la digitalizzazione dell’archivio delle pratiche edilizie con 77 mila euro”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città di Castello, contro l'aumento del caro-vita: il comune scende in campo per aiutare imprese e cittadini
PerugiaToday è in caricamento