Umbriachi old rugby gloria victoribus, honor victis. Gli atleti di casa nostra sugli scudi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PerugiaToday

Si è concluso sabato 20 aprile, nel bellissimo impianto del Ruffino Stadium Rugby M. Lodigiani di Firenze, il Campionato Toscano Old di rugby, con la disputa degli scontri diretti per la classifica finale, tra tutte le squadre partecipanti al torneo. La nostra franchigia regionale degli Umbriachi ha incontrato nella finale per il primo posto, quella dell'Anonima Rugbisti Florentia, replica del match dello scorso anno, quando a Gubbio i toscani hanno avuto la meglio portandosi a casa il titolo. Nella cornice festosa dello stadio Ruffino gli Umbri sono scesi in campo con una formazione viziata da diverse assenze nelle linee dei tre quarti, e hanno dovuto rinunciare anche alla presenza chiave del capitano Fabio TABARRO Brestuglia, vittima di una contrattura muscolare rimediata nel riscaldamento prepartita.

Nonostante l'infortunio il capitano è voluto comunque scendere in campo con la squadra per il calcio di inizio prima di prendere posto in panchina. Il coach MAX Castellari ha dovuto quindi reinventare la coppia mediana e la diagonale, schierando PEPPE Del pio a 9 e passando lui stesso ad apertura. Dall'altro lato la formazione padrona di casa si è rivelata solidissima e determinata come ci si aspettava. La partita ha avuto equilibri alterni con una partenza arrembante dei toscani, che si sono scontrati comunque con l'attenta difesa degli umbri.

Si è giocato prevalentemente a centro campo, fino che all'undicesimo del primo tempo, l'ala sinistra toscana, avuta la meglio sul placcatore si è lanciata solitaria sulla fascia fino alla meta. Ripartenza dopo la meta sugli stessi binari, con un intensità di gioco elevatissima nonostante il caldo. Le fasi di attacco dei bianchi non sono riuscite mai a scardinare la compatta linea difensiva dei viola ARF. Anche le percussioni fiorentine hanno però sempre trovato pane per i propri denti, infrangendosi contro i massicci muri dei placcaggi umbri. Gli Umbriachi, che sembravano meno determinati del solito fino a quel punto, sono scesi in campo per il secondo tempo mostrando un gioco più incisivo che a tratti ha impensierito non poco i toscani, salvati più dagli errori umbri che dalla propria difesa. La palle ovale però non ammette distrazioni, e a 5 minuti dal termine, su un'azione fotocopia di quella della prima marcatura, i fiorentini hanno realizzato la seconda e definitiva meta della partita. Gli umbri hanno lottato fino all'ultimo senza risparmiarsi, ma al terzo fischio dell'arbitro gli ARF hanno potuto per la seconda volta consecutiva, sollevare la coppa di campioni del CTO, riservando alla nostra squadra il corridoio d'onore all'uscita dal campo.

Per la cronaca la classifica finale è la seguente: 1° Anonima Rugbisti Florentia, 2° Umbriachi, 3° Pirati Livorno, 4° Briganti Siena, 5° Allupins Prato, 6° Rinocerotti Livorno, 7° Sorci Verdi Prato, 8° Magnaorecchi Prato, 9° Zoo Vasari Arezzo, 10° Trinceroni Scandicci, 11° Ribolliti Firenze. L'attività degli Umbriachi non finisce certo qui, visto che saranno impegnati comunque fino alla prossima estate in diversi tornei e nella finale nazionale per la Coppa delle regioni, già conquistata nel 2017. Il prossimo appuntamento è però quello a cui tengono sicuramente di più, al di la dei trofei e dei blasoni. Il 4 maggio infatti il campo di rugby di Pian di Massiano ospiterà il tradizionale torneo del Torre, evento sportivo e di beneficenza, nato per ricordare la memoria dell'indimenticabile compagno e fratello Alessandro TORRE Torresi, venuto a mancare prematuramente in mezzo ai propri amici, proprio durante un'azione di gioco al Coppiolo di Gubbio, il 30 aprile del 2011. Il torneo con formula open, quindi aperto a tutti, adulti, bambini, uomini e donne, permetterà a chi vorrà raggiungerci, di scendere in campo ed assaggiare un po di palla ovale e di spirito rugbistico, prima di festeggiare insieme il terzo tempo, brindando al TORRE. Unico requisito sarà quello di portare una maglietta bianca ed una rossa, per essere così pronti a scendere in campo con un squadra o con l'altra. Questa passata, è stata per gli Umbriachi sicuramente una stagione da ricordare, tanto per i risultati sportivi conquistati sul campo, quanto per il livello partecipativo alla vita della squadra, grazie soprattutto alla possibilità di tornare all'uso degli spazi per il terzo tempo, come il Baretto del Coppiolo di Gubbio gestito dal mitico TONY, e la clubouhse di Perugia sotto la guida di Federico PALOMBINO Palomba, con l'ausilio di Elisa CALAMITY JANE Farneselli e di tutto lo staff. Per i rugbisti è importante condividere tanto i sacrifici in campo, quanto i momenti di goliardia ed amicizia al di fuori, se poi è possibile farlo davanti ad un boccale di birra e ad un piatto di pasta fumante, è sicuramente meglio. Citiamo infine, ma non per ordine di importanza chi ci accompagna sempre, in casa e nelle trasferte, pronta a fare foto, portare acqua, curare i feriti, ma soprattutto incitare sempre la squadra con trasporto ma soprattutto correttezza, e cioè la nostra Daniela WILD FORRA Bianchi. Forza Umbriachi e come sempre AVANTI TUTTA!

Torna su
PerugiaToday è in caricamento