Volley Superlega, Perugia schiaccia Modena: Leon ed Atanasijevic implacabili, Lanza perfetto

Dopo quattro stagioni e tredici sconfitte consecutive, la Sir Safety Conad Perugia sconfigge 3-1 l’Azimut Leo Shoes Modena nel big match

SIR SAFETY CONAD PERUGIA - AZIMUT LEO SHOES MODENA 3-1

Parziali: 25-22, 25-22, 23-25, 25-16

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 1, Atanasijevic 21, Podrascanin 7, Ricci 8, Leon 25, Lanza 21, Colaci (libero), Della Lunga, Seif, Galassi. N.e.: Piccinelli, Hoogendoorn, Gabriele. All. Bernardi, vice all Fontana.

AZIMUT LEO SHOES MODENA: Christenson 2, Zaytsev 15, Anzani 3, Holt 13, Urnaut 17, Kaliberda 7, Rossini (libero), Mazzone, Bednorz 3. N.e.: Benvenuti (libero), Pierotti, Van der Ent, Pinali, Keemink. All. Velasco, vice all. Cantagalli.

Arbitri: Daniele Rapisarda - Andrea Puecher

LE CIFRE – PERUGIA: 22 b.s., 14 ace, 55% ric. pos., 24% ric. prf., 61% att., 6 muri. MODENA: 20 b.s., 7 ace, 46% ric. pos., 21% ric. prf., 53% att., 6 muri.

È un boato assordante, eccitante, quasi liberatorio quello dei quattromila del PalaBarton quando Lanza infila l’ace che chiude il match. Dopo quattro stagioni e tredici sconfitte consecutive, la Sir Safety Conad Perugia sconfigge 3-1 l’Azimut Leo Shoes Modena nel big match, prima contro seconda, della settima di Superlega e vola solitaria al comando della classifica con quattro lunghezze di vantaggio proprio su Modena, più immediata inseguitrice. 

Uno spettacolo stasera il palazzetto con i Sirmaniaci (stupenda la coreografia iniziale del Pac-Devil) a dettare il ritmo e tutto il resto del PalaBarton a seguire.

Uno spettacolo che Lorenzo Bernardi mette in campo determinata, assatanata, concentrata e tatticamente perfetta. I Block Devils sono spaziali dai nove metri (14 gli ace, rispettivamente 5, 4 e 3 per gli indemoniati Leon, Atanasijevic e Lanza), sono micidiali in attacco (61% complessivo di squadra, addirittura 71% nel quarto set), sono bravissimi a tenere alta la tensione negli scambi lunghi e di ferro a tenere la barra dritta quando Modena tenta la reazione.

Leon ed Atanasijevic (25 e 21 i punti a referto) sono dei cecchini per il gioco di capitan De Cecco, Lanza è un metronomo in prima e seconda linea (10 i palloni vincenti del martello azzurro), Ricci e Podrascanin (entrambi oltre l’80% e 2 muri a testa) sono due colonne portanti di Perugia. E poi dietro c’è Colaci che le prende tutte, che dà tranquillità a tutti, che esulta per tutti, che è ovunque e sempre dove va il pallone.

Tre set, i primi, tirati, tesi, combattuti, nei quali la squadra di conferma mentalmente una roccia. L’ultimo, il quarto, un vero e proprio show griffato Sir con Leon che abbatte tutto e tutti al servizio, con Atanasijevic e Lanza che tirano forte, ma forte per davvero, con Lorenzo Bernardi che tiene alta la tensione perché vede il suo gruppo spingere a tremila.

Il volo di Perugia continua. Continua alto, a punteggio pieno. Continua dirompente, con la spinta di un pubblico unico. Continua in crescendo, passo dopo passo, grazie al grande lavoro quotidiano di Bernardi e del suo staff. Perugia continua per ora a regnare con diritto. 

Potrebbe interessarti

  • Alcol denaturato, un potente disinfettante per l'igiene domestica

  • Pancia gonfia, ecco le cause e i rimedi naturali

  • Spazzatura, come disinfettare i bidoni ed evitare il cattivo odore, specie d'estate

  • Peperoncino, tutti i pro e i contro di una spezia molto amata da tanti

I più letti della settimana

  • Tragedia in ospedale, cade dalle scale e muore a 26 anni

  • Sostiene un esame a Medicina e precipita dalle scale dell'Ospedale: muore a soli 26 anni

  • Tragedia in centro storico, ragazza di 28 anni trovata morta

  • Tragedia all'ospedale, studentessa universitaria cade dalle scale e muore

  • Umbria, sparatoria in pieno centro a Terni: carabiniere ferito

  • Investito sulla E45, il testimone: "Ho cercato di convincerlo a salire in auto, poi si è lanciato sulla strada"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento