Un grande Tassi alla Dakar vede il traguardo... Buenos Aires

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PerugiaToday

A tre giorni dalla conclusione della sua edizione più dura, la Dakar vede ancora il perugino Gianluca Tassi fra i protagonisti. Passato indenne nelle tappe più massacranti e difficili, caratterizzate da condizioni atmosferiche improbe che hanno costretto l'organizzazione a diversi cambiamenti di programma e percorso, Gianluca e il suo equipaggio hanno saputo con grande intelligenza e perizia non farsi prendere la mano dalla competizione ma tenere sempre presente quello che è il loro obiettivo reale, arrivare a Buenos Aires sabato 14.

Non è comunque sinora stata una passeggiata, gestire il mezzo al meglio, le forze e la condizione fisica di tutti non è stato sinora facile per nessuno, a maggior ragione per Gianluca, pilota diversamente abile. L'impresa di Gianluca, navigato da Massimiliano Catarsi e Alessandro Brufola Casotto, ha riscosso grande attenzione nei media sudamericani e mondiali, tanto che il presidente boliviano Morales ha voluto personalmente conoscerlo e stringergli la mano. Il provvidenziale annullamento della 9^ tappa Salta-Chilecito, tremenda marathon di 977 km, causa smottamenti, consente di guardare con grande ottimismo alle ultime tre tappe che si correranno in territorio argentino, uscendo dalla tremenda morsa delle alture boliviane, massacranti per uomini e mezzi. La ripartenza del raid vedrà Tassi e il suo Ford Raptor partire 44esimi in classifica generale per l'ultimo balzo verso il grande traguardo tanto agognato.

Torna su
PerugiaToday è in caricamento