Spal-Gubbio 1 a 0 - Dopo la pareggite acuta...arriva anche la sconfitta: addio play-off

Il Gubbio perde 1-0 al "Paolo Mazza" di Ferrara contro la Spal e vede allungarsi a 7 la striscia di partite senza successi. Due brutti mesi per Acori che mette in campo il solito 4-1-4-1, ma deve rinunciare per infortunio al terminale offensivo Regolanti e allo squalificato Lasicki

Il Gubbio perde 1-0 al “Paolo Mazza” di Ferrara contro la Spal e vede allungarsi a 7 la striscia di partite senza successi. Due brutti mesi per Acori che mette in campo il solito 4-1-4-1, ma deve rinunciare per infortunio al terminale offensivo Regolanti e allo squalificato Lasicki. Semplici, arrivato sulla panchina degli emiliani a dicembre, schiera un modulo piuttosto difensivo, un 5-3-2 guidato dai nuovi acquisti Cottafava, Nava e Gerbaudo.

La prima occasione della partita passa dai piedi di Loviso che cerca il piazzato da fuori area, pallone che sfila di poco a lato del palo di Menegatti. Al 9’ la Spal risponde con Gerbaudo che raccoglie una respinta corta di Loviso e lascia andare una conclusione che si spegne di poco sopra la traversa degli eugubini. Gli ospiti rispondono e affondano sulla fascia destra con Esposito che trova a due passi dalla porta Cais: il tiro del numero 9, respinto, termina sui piedi di Marchionni, il quale a sua volta cerca il gol, ma la difesa della Spal lo mura e si salva. 

Al 28’ sono i padroni di casa a sciupare una clamorosa occasione: Manganelli scivola tentando di spazzare il pallone, Zigoni ne approfitta e si ritrova a tu per tu con Iannarilli, che però è bravissimo ad ipnotizzarlo e a impedirgli di calciare. Passano 3 minuti e Luciani rischia un clamoroso autogol deviando di testa il cross dalla trequarti di Di Quinzio, attento Iannarilli ad alzare sopra il montante. 

I biancazzurri si chiudono bene a sul finire di primo tempo trovano il vantaggio: Lazzari riceve il pallone sulla destra, traversone al centro per Zigoni che incorna e non lascia scampo al portiere rossoblù. Il primo tempo va così in archivio con il Gubbio sotto di una rete: i Lupi sono stati superiori a livello di gioco, ma a differenza degli avversari non hanno saputo sfruttare le occasioni avute.

Nei minuti iniziali della ripresa il Gubbio fatica a creare opportunità per rimettere la partita sui binari giusti. Tocca al solito Loviso impensierire Menegatti da calcio piazzato: nessuno riesce a deviare il cross dell’ex Livorno e la traiettoria della palla per poco non sorprende il portiere degli emiliani. La Spal si rifà viva in avanti al 62’con Togni che lancia in profondità Fioretti: il capocannoniere degli estensi prova la botta di sinistro, che non trova però lo specchio della porta. 

Al 70’ chance ghiottissima per il neo entrato Mancosu che difende bene il possesso in area di rigore, supera il diretto avversario e mette un tiro a giro che esce di un soffio. Semplici è soddisfatto dell’1-0 e decide di coprirsi ulteriormente: a venti minuti dalla fine l’allenatore dei biancazzurri passa al 5-4-1 togliendo Fioretti e inserendo Capece. Acori risponde gettando nella mischia Casiraghi al posto di un deludente Domini.

La sfortuna si abbatte sugli umbri a 10 minuti dal termine: Marchionni va in percussione centrale e serve sullo stretto Mancosu che d’esterno colpisce la faccia interna del palo. L’allenatore del Gubbio le prova tutte mettendo d’entro anche Guerri al posto di Luciani, ma è la Spal ad avere l’occasione per chiudere i conti con Rovini che approfitta dell’errore di Loviso, si incunea tra i difensori avversari e prova a superare Iannarilli, ma la retroguardia dei Lupi salva sulla linea. 

Non accade più nulla: l’assalto nei minuti di recupero alla ricerca dell’1-1 non produce alcun effetto e dopo 4 pareggi il Gubbio cade. L’ 1-0 finale consente alla Spal di scavalcare in classifica i rossoblù e cancella le ultime speranze dei Lupi di rimanere aggrappati al treno playoff.

SPAL-GUBBIO 1-0 (1-0)

SPAL (5-3-2): Menegatti; Lazzari, Aldrovandi, Cottafava, Silvestri, Nava; Gerbaudo (11’st Gentile), Togni, Di Quinzio (34’st Rovini); Fioretti (26’st Capece), Zigoni. A disp.: Albertoni, Bellemo, Finotti, Giani. All.: Leonardo Semplici.

GUBBIO (4-1-4-1): Iannarilli; Luciani (40’st Guerri), Manganelli, Galuppo, D’Anna; Loviso; Vettraino (19’st Mancosu), Esposito, Domini (30’st Casiraghi), Marchionni; Cais. A disp.: Citti, Caldoro, Rosato, Castelletto. All.: Leonardo Acori. 

ARBITRO: Vesprini di Macerata.

MARCATORI: 41’pt Zigoni (S).

NOTE – Ammoniti: 37’pt Nava (S); 7’st Domini (G), 23’st Galuppo (G), Gentile (S), 42’st Marchionni (G). Recupero: 0’; 3’. Spettatori: 2.200 circa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Si perde nella palude per inseguire un animale, cane salvato dai vigili del fuoco

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

  • Gualdo e comuni limitrofi, sale la preoccupazione per i furti: mezzo sospetto, scatta il tam-tam

  • Scontro tra bus e auto, un ferito a Todi

  • Malattie sessualmente trasmissibili e psoriasi, dermatologi a Perugia: "In aumento i casi, tutti i rischi"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento